Iraq, allarme 'Acs': "Se Isis rifiata cristiani più in pericolo"
Iraq, allarme 'Acs': "Se Isis rifiata cristiani più in pericolo"

Intervista al presidente della fondazione pontificia Alessandro Monteduro

Dopo l'appello contro i venti di guerra in Medio Oriente, Papa Francesco si rivolge alla comunità dei cristiani in Iraq, in Siria e in tutta la regione: "Nei momenti più tristi della nostra vita, nei momenti più angoscianti e di prova non dobbiamo avere paura ed essere audaci come lo è stato Paolo, perché Dio veglia su di noi, è sempre vicino a noi".
Aiuto alla Chiesa che soffre, fondazione pontificia che si occupa di cristiani perseguitati, segue da vicino i drammatici sviluppi delle ultime ore. "Siamo preoccupati", ammette a LaPresse il direttore Alessandro Monteduro. Che sul territorio la preoccupazione si avvertisse ancora prima del 3 gennaio lo dimostra che a Baghdad il patriarcato caldeo aveva annullato tutte cerimonie religiose della notte di Natale.

Gli ultimi dati disponibili, del marzo 2019, ci dicono che la popolazione cristiana è ridotta "al lumicino", osserva Monteduro. Se nel 2000 i cristiani in Iraq erano un milione e mezzo, oggi sono tra i 225 e i 230mila. Dalla destituzione di Saddam Hussein, il declino  è strato costante e ha visto il suo momento più drammatico nell'estate del 2014, con l'affermazione degli uomini di al Baghdadi nella piana di Ninive, che ha costretto i 120mila fedeli presenti a spostarsi a Erbil. Dopo la disarticolazione militare dell'Isis, circa 55mila di loro hanno avuto il coraggio e la forza di tornare nelle loro case, sostenuti quasi esclusivamente dalle chiese locali (Caldea, Siro cattolica e Siro ortodossa) e, solo recentemente, dalle istituzioni governative nazionali. Ma senza le organizzazioni di carità le chiese non avrebbero potuto far fronte all'emergenza. Per il solo Iraq, Aiuto alla Chiesa che soffre ha finanziato iniziative per 46 milioni di euro: "Ci siamo fatti carico del rientro, abbiamo iniziato ristrutturando le case, poi i luoghi religiosi, le chiese, i seminari e i monasteri. Nel 2018 sono arrivati anche i primi contributi dagli Stati Uniti, la Germania e l'Ungheria. Questo aveva creato un clima di speranza (non che disarticolato Isis tutto fosse rose e fiori)", racconta il direttore di Acs.

Qual è la situazione dei cristiani ora?
È certamente come minimo comparabile con quella di tutta la popolazione irachena. I cristiani soffrono come tutti, ma non dimentichiamo che soffrono anche di discriminazione, di persecuzione, di oppressione perché considerati filo-occidentali. E oggi essere considerati filo-occidentali significa essere considerati filo-americani. Il timore è quello di ripercussioni, al quale si aggiunge quello che da questa vicenda possa riprendere fiato la componente più estremista dell'Isis.

Il 10 giugno, parlando ai partecipanti alla Riunione delle opere di aiuto alle Chiese Orientali (Roaco), Papa Francesco aveva annunciato che avrebbe voluto affrontare un viaggio in Iraq, se ci fossero state le condizioni.
Temo che quelle condizioni oggi non ci siano più. Se questo non dovesse accadere, il mio dolore sarebbe pensare all'attesa con la quale i cristiani attendevano la visita. Anche perché l'idea e la voce di un suo viaggio aveva trovato sempre più consistenza, c'erano delle interviste chiare su come si fossero mossi i tasselli organizzativi. Mai come questa volta sarebbe stato il viaggio di un pastore. L'aspirazione del cardinale Sako era che si potesse firmare una sorta di memorandum bis sulla fratellanza umana a Najaf (città santa per gli sciiti, ndr), sulla scorta di quello firmato ad Abu Dhabi col grande imam di Al Azhar (il più grande centro studi dell'Islam sunnita).

La sua ultima visita in Iraq?
Tra febbraio e marzo 2017. Ricordo Qaraqosh deserta, era stata liberata tre settimane prima. Non rilasciava suoni, a parte quello degli uccelli. La cosa drammatica è stata che tutto quello che si richiamava al cristianesimo era stato distrutto, abbattuto o riconvertito. La chiesa madre era stata trasformata in un poligono di tiro. Ricelebrammo la prima messa dopo la liberazione su un tappeto di proiettili, tra statue della Madonna con mani e piedi amputati, e proiettili conficcati nel cuore. Lì si tocca con mano la presenza dello stato islamico. Non è una guerra politica. È una guerra politico-religiosa figlia di un'ideologia deviata e fanatica.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata