Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, il ragazzo era insieme ad un amico: i due si sarebbero introdotti nell'edificio scolastico per un selfie

Non ce l’ha fatta R.F., il ventenne che nella notte tra venerdì e sabato è precipitato dalla tettoia che sovrasta la scala antincendio di una scuola a Bagno a Ripoli (Firenze), l’Isis Gobetti Volta. Il ragazzo è morto eri sera all’ospedale fiorentino di Careggi dove era stato trasportato in condizioni apparse subito disperate.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, che conducono le indagini, coordinate dal sostituto procuratore Massimo Bonfiglio, il ventenne era insieme a un amico: i due si sarebbero introdotti nell’edificio scolastico che R.F aveva frequentato prima di iscriversi alla facoltà di ingegneria; una volta in cima alla scala antincendio, il ventenne avrebbe messo un piede nel vuoto precipitando per diversi metri. L’amico di R.F. è stato ascoltato dai carabinieri. Forse i due, sempre stando alla ricostruzione degli investigatori, erano saliti in cima alla scala antincendio per scattarsi dei selfie e girare un video

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata