A Napoli nove i feriti, quattro invece a Milano

Nessuna vittima nella notte del Capodanno 2022 in Italia ma sono in aumento i feriti gravi. È quanto si legge nel report sui dati del Dipartimento di Pubblica sicurezza.

In leggera crescita il dato dei feriti gravi con prognosi superiore ai 40 giorni, passati da 12 a 14. In relazione al ferimento di minori, si registra un significativo aumento del dato complessivo: 20 a fronte degli 8 dello scorso anno. Lo scorso anno, ricordano dal Dipartimento, nella notte di Capodanno era deceduta una persona.

Il dato complessivo relativo ai feriti, che si è assestato a 124 (di cui 31 ricoverati), evidenzia un incremento rispetto al precedente anno (79).  In relazione alla gravità delle lesioni riportate, si registra un aumento nel numero di feriti con prognosi inferiore o uguale a 40 giorni (110 a dispetto dei 67 dello scorso anno). Per quanto riguarda invece i feriti gravi, con prognosi superiore a 40 giorni, si registra un lieve aumento rispetto allo scorso anno (14 a fronte di 12 del 2021).

Nove feriti a Napoli

È di 9 persone il bilancio dei feriti per i botti di Capodanno tra Napoli e provincia, come rilevato dalla Questura. Nella notte un 40enne srilankese era stato ferito al petto con un colpo d’arma da fuoco. Nel quartiere Mercato un fuoco d’artificio ha provocato un incendio nella stanza di un’abitazione. Incolume il 66enne presente, che si trovava in un’altra camera dell’appartamento, poi dichiarato inagibile.

A Milano due accoltellamenti tra giovani nella notte 

La polizia di Stato è intervenuta la notte scorsa a Milano in occasioni di due liti passate alle vie di fatto: alle 00.35 gli agenti delle volanti hanno effettuato un intervento in piazza Gae Aulenti perché due giovani, di 18 e 19 anni, sono stati aggrediti da 7 giovani stranieri. Le due vittime, il 18enne colpito con bottiglia alla testa e il 19enne con colpi subiti al torace, sono stati trasportati in codice giallo all’ospedale Fatebenefratelli. 

Quattro i casi di lesione da fuochi di artificio segnalati in città. Nessuno con prognosi che supera i 20 giorni

A Bari 2 feriti gravi per lo scoppio di petardi

Sono 2 le persone che hanno riportato ferite a seguito dello scoppio di botti e petardi nell’ambito della Città metropolitana di Bari.  Un 44enne di Monopoli ha subito l’amputazione di 2 dita della mano ed è ricoverato al Policlinico di Bari in prognosi riservata mentre un 27enne di Acquaviva delle Fonti ha riportato ferite lacero contuse ed è stato dimesso dall’ospedale con 7 giorni di prognosi. Altri 2 feriti sono stati trasportati, sempre al Policlinico di Bari, provenienti dalle province di Taranto e Bat; uno ha subito l’amputazione della mano, l’altro l’amputazione di un dito. Entrambi maggiorenni, sono ricoverati in prognosi riservata.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata