Smantellata organizzazione riconducibile al gruppo di etnia Rom di Giuseppe Di Silvio

(LaPresse) Vasta operazione anticrimine della polizia a Latina. Eseguite 33 misure cautelari nei confronti di persone ritenute, a vario titolo, gravemente indiziati dei delitti di associazione per delinquere di tipo mafioso, traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, estorsione, sequestro di persona, furto, detenzione e porto abusivo di armi. L’attività investigativa ipotizza l’esistenza di un nuovo sodalizio di matrice mafiosa e di origine autoctona, riconducibile al gruppo di etnia Rom di Giuseppe Di Silvio, detto Romolo, organizzazione strutturata su base familiare e territoriale, già protagonista di gravissimi episodi criminali a Latina, che si è nel tempo sempre più radicata sul territorio, sia per quanto riguarda l’attività di spaccio di stupefacenti, sia in merito ad attività estorsive. Dalle indagini è emerso come quest’ultima attività riuscisse a incutere timore, a piegare la volontà delle vittime, in alcuni casi vessate da anni, senza che le stesse sporgessero denuncia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata

Tag: