Gli ultimi sviluppi dell'indagine della DIA di Bari sulla Jeep Renagade incendiata il 1° settembre

Lo scorso 14 agosto 13 colpi di pistola calibro 9 esplosi dal finestrino di una Jeep Renegade uccidevano il 32enne Luigi Ermanno Bonaventura, residente a San Severo, in provincia di Foggia. Nella sparatoria altre due persone rimasero ferite, tra cui un bambino di 11 anni. L’auto era stata bruciata dai killer tra i boschi nei dintorni del paesino, nel tentativo di cancellare le proprie tracce. È il risultato a cui sono giunte le indagini della Direzione Antimafia di Bari, iniziate dopo il ritrovamento dell’auto incendiata lo scorso 1° settembre.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata

Tag: