In manette le due figlie di Laura Ziliani e il fidanzato di una delle due. La donna era scomparsa l'8 maggio da Temù, in provincia di Brescia

(LaPresse) Svolta nelle indagini sul caso dell’ex vigilessa Laura Ziliani. I carabinieri hanno arrestato a Brescia e nella provincia di Bergamo le due figlie della donna scomparsa a Temù l’8 maggio scorso e il fidanzato della maggiore, uno studente universitario di 27 anni, accusati di omicidio volontario aggravato e occultamento di cadavere. Le ragazze hanno 26 e 19 anni. Il corpo della donna fu ritrovato solo due mesi dopo la sua sparizione in un torrente non lontano da casa.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata