Da dicembre numerose denunce ricevute dalla polizia postale

(LaPresse) Operazione antifrode della Polizia di Stato che ha recuperato 300mila euro sottratti dai conti correnti di ignari correntisti attraverso lo smishing. Numerose le denunce arrivate alla Polizia postale da dicembre ad oggi. A presentarle decine di cittadini colpiti da questo fenomeno Le indagini, condotte dalla Polizia Postale di Bologna e coordinate dal Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni di Roma, sotto la direzione della procura della Repubblica di Bologna, hanno consentito di bloccare il flusso di denaro e verificare che erano presenti rimesse sospette riconducibili ad analoghe truffe ai danni di numerosi correntisti residenti a Torino, Brescia, Milano, Teramo e Cagliari, che avevano subito lo svuotamento del proprio conto corrente per somme oscillanti tra i 10 ed i 50 mila euro. Molte delle vittime, turbate per l’accaduto, e nel timore di incorrere in altri episodi criminali non rispondevano alle chiamate alla loro utenza, neanche agli operatori della Polizia postale che volevano informarli che gli era stato recuperato il denaro sottratto.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata