Avrebbero spinto un imprenditore a versare loro 35 mila euro come contropartita per fatture verso il Comune

(LaPresse) E’ stata soprannominata ‘Nuvola d’oro’ l’operazione della finanza di Bari che ha eseguito quattro arresti per persone ritenute responsabili di concorso in “induzione indebita a dare o promettere utilità”. I quattro, finiti nel mirino per presunte tangenti, sono finiti ai domiciliari: tra loro un consigliere in carica e un funzionario del Comune di Foggia, un medico in pensione e un imprenditore del settore informatico. I quattro, secondo gli investigatori, avrebbero indotto il rappresentante legale di una Srl di Campobasso a consegnare loro denaro per un importo di circa 35 mila euro, come contropartita del pagamento di tre fatture emesse dalla sua società nei confronti del Comune di Foggia. L’uomo avrebbe pagato pur di vedersi salfare un appalto vinto per il Comune di Foggia nel 2017, dal valore di 371 mila euro.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata