L'organizzazione criminale ha frodato circa 143 milioni di euro di contributi pubblici

Scoperta una maxi truffa nel settore delle energie rinnovabili. La Guardia di Finanza di Pavia, unitamente ai Carabinieri Forestali in forza presso la Sezione di polizia giudiziaria della Procura e ad un’aliquota dei Carabinieri del Comando provinciale di Pavia, dalle prime luci dell’alba, sta eseguendo 11 misure cautelari personali (6 arresti domiciliari e 5 obblighi di firma) e oltre cinquanta perquisizioni in diverse Regioni del Centro-Nord (Trentino -Alto Adige, Lombardia, Piemonte, Liguria, Emila Romagna, Sardegna, Lazio).

L’operazione che vede impegnati più di 200 militari, con il supporto di unità aeree e con l’ausilio anche di cash dog della Guardia di Finanza,coordinata dal Sostituto Procuratore Paolo Mazza di Pavia, sta sradicando un’organizzazione criminale che nel corso di diversi anni ha frodato circa143 milioni di euro di contributi pubblici. Durante queste ore le fiamme gialle stanno eseguendo perquisizioni, nonché sequestri dirapporti bancari, quote societarie,veicoli, immobili e terreni del valore di diversi milioni di euro in capo agli indagati,accusati deireati di associazione a delinquere, truffa aggravata ai danni dello Stato, false fatturazioni e responsabilità amministrativa degli enti.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata

Tag: