A 365 giorni dal paziente uno parla il primo cittadino: "Vaccini? Prima si fanno, prima si esce da incubo"

A 365 giorni dal paziente uno, scoperto a Codogno, la città del lodigiano ricorda le vittime del Covid 19. “E’ stato forse l’anno più duro della nostra storia, però c’è grande spirito e voglia di ripartire appena questa situazione andrà scemando” ha detto il primo cittadino Francesco Passerini. Invitando tutti a tenere comportamenti appropriati contro il virus: “Sono l’unica arma in attesa del vaccino, potremo finalmente uscire da questo incubo quando la campagna vaccinale sarà ben avviata” ha aggiunto.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata