Le parole del vicedirettore esecutivo dell'Agenzia europea per i medicinali, Noel Wathion, in un’intervista al quotidiano belga Het Nieuwsblad

È “improbabile” che il vaccino contro il coronavirus sviluppato da AstraZeneca e dall’Università di Oxford venga raccomandato per l’approvazione dall’Agenzia europea per i medicinali (Ema) a gennaio. Lo ha detto il vicedirettore esecutivo dell’Agenzia, Noël Wathion, intervistato dal quotidiano belga Het Nieuwsblad. L’Ema, ha spiegato, non dispone di informazioni sufficienti sul vaccino, “al momento, AstraZeneca ha fornito solo dati sui propri studi clinici all’Agenzia europea per i medicinali”, e questi “non sono sufficienti” per concedere un’autorizzazione all’immissione in commercio condizionata. “Abbiamo bisogno di dati aggiuntivi sulla qualità del loro vaccino”, ha aggiunto Wathion. Inoltre, ha sottolineato, AstraZeneca deve ancora presentare una domanda formale, che è un’altra condizione necessaria per dare il via libera al vaccino.

Nel frattempo, il Regno Unito prevede di lanciare il vaccino AstraZeneca-Oxford dal 4 gennaio. Sul motivo per cui sarebbe stato autorizzato lì, Wathion ha dichiarato: “Siamo all’oscuro, perché non sappiamo quali dati AstraZeneca ha presentato alle autorità britanniche”. “Ma potrebbe anche essere che l’agenzia britannica stia concedendo un’autorizzazione provvisoria”, che consentirebbe solo la distribuzione di determinati lotti del vaccino, ha aggiunto il vicedirettore che ha poi concluso: “Non lo facciamo, perché l’azienda deve prima dimostrare che tutti i vaccini saranno di alta qualità”.

A partire dal 21 dicembre, solo il vaccino Pfizer-BioNTech è stato raccomandato per un’autorizzazione all’immissione in commercio condizionata dall’Ema ed è stato approvato dalla Commissione europea lo stesso giorno. AstraZeneca è stata la prima azienda farmaceutica a firmare un contratto con la Commissione Europea, per un totale di 300 milioni di dosi, con un’opzione per ulteriori 100 milioni.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata