Iss: "5 regioni ad alto rischio". Lombardia, Piemonte, Basilicata e Calabria gialle da domenica

Sono 18.727 i nuovi casi di Coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore secondo il bollettino del Ministero della salute, a fronte di 190.416 tamponi processati. I casi sono in leggera salita rispetto a ieri, quando erano stati 16.999, a fronte, però, di quasi 20 mila test in meno. Ancora alto il numero dei decessi: sono state 761 le vittime, in calo rispetto alle 887 di ieri. Scende di 26 unità il numero di pazienti in terapia intensiva: sono attualmente 3265. Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 28.562 persone, 526 in meno rispetto a ieri.  Stabile il tasso di positività  che è ora del 9,8%, rispetto al 9,9% di ieri.

Intanto l’Istituto superiore di Sanità fa sapere che l’indice Rt di contagiosità in Italia è sceso a 0,82 .”E  necessario che i cittadini continuino a mantenere comportamenti estremamente prudenti e allo stesso tempo le amministrazioni devono vigilare e mantenere alto il livello di allerta”, avverte però il numero uno dell’istituto Gianni Rezza che sottolinea come Emilia Romagna, Provincia di Trento, Puglia, Sardegna e Veneto siano ad alto rischio.

Da domenica quattro regioni passeranno in zona gialla: Lombardia, Piemonte, Basilicata e Calabria. “Ho parlato con il ministro Speranza poco prima delle 8 e mi ha ribadito che il Cts è un po’ in ritardo, ma che comunque avrebbe firmato l’ordinanza prima della mezzanotte in modo da poter pubblicare il provvedimento domani e farlo entrare in vigore da domenica mattina”, ha confermato il governatore della Regione Lombardia, Attilio Fontana, intervistato da Telenova.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata