Intanto l'Alto Adige conferma lo stop al lockdown dal 30 novembre

Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato una nuova ordinanza con cui si rinnovano le misure restrittive relative alla Provincia autonoma di Bolzano e alle Regioni Basilicata, Liguria e Umbria. L’ordinanza è valida fino al 3 dicembre 2020, ferma restando la possibilità di nuova classificazione prevista dal decreto.

“Ho firmato una nuova ordinanza con cui si rinnovano le misure restrittive relative alla zona rossa della Provincia Autonoma di Bolzano e alla zona arancione delle regioni Basilicata, Liguria e Umbria”. Così su Facebook il ministro della Salute. “L’ordinanza – spiega – è valida fino al 3 dicembre 2020, ferma restando la possibilità di nuova classificazione prevista dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 3 novembre 2020”.

Intanto il presidente della Provincia Autonoma di Bolzano, Arno Kompatscher, in conferenza stampa ha annunciato la fine del lockdown il 30 novembre. “Abbiamo analizzato i risultati ottenuti sulla base dei provvedimenti adottati qualche settimana fa. Ringraziamo i cittadini che hanno rispettato le regole, i tanti che hanno anche dovuto chiudere attività. I nostri esperti ci dicono che negli ultimi giorni la curva è scesa e quindi ora possiamo adottare nuove misure, dando luogo a una riapertura in passi successivi: a partire da lunedì 30 novembre togliamo tutte le regole più restrittive rispetto alla cosiddetta zona rossa – ha dichiarato – Riaprono i negozi, le attività commerciali, si passa di nuovo alla didattica in presenza per la prima media. Riaprono anche i mercati, parrucchieri ed estetisti. Da venerdì 4 poi riapre tutto il commercio, riaprono anche bar e ristoranti fino alle ore 18 e si passa alla didattica in presenza per tutta la scuola media. Questa è la base che abbiamo deciso oggi, ma vogliamo approfondire tra oggi e domani se possiamo anticipare ancora qualcos’altro al 30”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata