Il governatore campano in diretta Facebook: "Hanno istituito la zona rossa? E' più che altro rosè"

Il governatore campano Vincenzo De Luca torna a parlare in diretta Facebook. “Avete visto che hanno istituito la zona rossa. Ma quale zona rossa? Abbiamo istituito una zona rosé. Bisognerebbe fare dei controlli tra un Comune e l’altro. C’era mezza Italia che non dormiva la notte se non si faceva la zona rossa in Campania. Ora che l’hanno fatta dormono tutti. Lasciate perdere la politica politicante. Abbiamo noi la necessità di essere rigorosi” ha detto De Luca. “Nell’ultima settimana abbiamo abbassato il tasso di positivi dal 16 al 15%, la curva scende. Il Governo non c’entra niente. C’entrano le misure che abbiamo preso nelle scorse settimane”, ha aggiunto.

Sulla sanità campana ha dichiarato: “Sono arrivati gli ispettori questa settimana, un’altra cialtronata propagandistica. Bisognava mettere in piedi qualcosa. Che cosa hanno visto? Che cosa hanno verificato? Ad oggi la Regione non è informata di nulla sulle relazioni”. Secondo De Luca in Campania “stiamo facendo il terzo miracolo per salvare la Regione. Abbiamo 17mila dipendenti in meno rispetto al Veneto e 15mila in meno rispetto all’Emilia-Romagna e al Piemonte, 60mila in meno rispetto alla Lombardia. Abbiamo 194 persone ricoverate in terapia intensiva”, meno di altre regioni. “Abbiamo realizzato 636 posti di terapia intensiva e abbiamo fatto un miracolo lavorando d’estate. Siamo a un tasso di occupazione basso. La Campania è stata, è e rimarrà in una linea di assoluta trasparenza. La Campania è una casa di vetro”.
Duro l’attacco di De Luca a De Magistris, sindaco di Napoli. “Non litigate? Vorrei che fosse chiaro che qui in Campania non c’è nessuno che stia litigando. La Regione è tutta concentrata sul lavoro. C’è soltanto a Napoli un imbecille che litiga da solo o che cerca di fare sciacallaggio o aggressioni per farsi pubblicità, per nascondere la propria nullità amministrativa e per nascondere il fatto che non ha mosso un dito nel corso di un anno per dare una mano a contrastare il contagio. Non c’è nessuno che litiga, tranne uno. Gli altri sono al lavoro”.
“Mi è capitato di parlare con il presidente del Consiglio, perché un ministro del suo Governo, tale Spadafora, si era permesso di fare osservazioni assolutamente scorrette nei confronti della Regione Campania” ha poi dichiarato il presidente campagno a proposito del governo. “Un piccolo atto di sciacallaggio. Per cui ho chiesto di intervenire sui suoi ministri, come è dovere fare per il presidente del Consiglio per invitarli a fare le persone corrette, a non fare sciacallaggio politico. Il presidente del Consiglio non sapeva, ha detto vedremo, interverrò, parlerò – ha aggiunto – Non è successo assolutamente niente. Dopodiché abbiamo ascoltato delle affermazioni idiote da parte di un altro sedicente ministro, tale Bonafede, conosciuto nell’ambiente come ministro ‘bonanotte’, ministro assolutamente improbabile”.

🔴 #CORONAVIRUS: facciamo il punto della situazione sugli ultimi dati del contagio e sulle misure che intendiamo assumere.
Seguiteci:

Pubblicato da Vincenzo De Luca su Venerdì 20 novembre 2020

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata