Italia Viva contraria: propone coprifuoco alle 22 e ristoranti aperti la domenica

Secondo quanto si apprende dopo la riunione del premier Conte con i capidelegazione e prima del nuovo confronto con le Regioni, l'orientamento del governo è di stabilire un coprifuoco nazionale alle 21.

Si ragiona anche sull'ipotesi di chiusura bar e ristoranti anche nella fascia di orario dedicata al pranzo, mentre sarebbe sempre consentita la consegna asporto. Per quanto riguarda la scuola, lezioni in presenza per elementari e studenti di prima media, con prescrizione di indossare la mascherina sempre. Invece, per seconda e terza media, oltre alle superiori, didattica a distanza. C'è anche l'intenzione di applicare per intero lo smart working nella Pubblica amministrazione, salvo per i servizi pubblici essenziali.

Trapela da Italia Viva la contrarietà al coprifuoco alle 21 (Iv chiede che sia posticipato alle 22), così come la chiusura domenicale dei ristoranti perché, come evidenziato dal cts, il ristorante sarebbe più ligio alle regole sul distanziamento rispetto ai possibili ritrovi negli appartamenti privati e perché si danneggerebbe la filiera agroalimentare.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata