Milan e Lazio si affrontano a San Siro

 Archiviata almeno in Europa la pausa per le Nazionali, la Serie A torna con una giornata che potrebbe già dare indicazioni importanti per quanto riguarda la lotta per lo Scudetto e la Champions League. Il big match si gioca sabato pomeriggio allo stadio ‘Maradona’ dove il Napoli riceve la Juve in una partita che da sempre è carica di polemiche e tensioni, basta ricordare soltanto quello che è accaduto lo scorso anno con la vicenda Covid. I bianconeri di Massimiliano Allegri sono chiamati a un riscatto dopo la sconfitta interna contro l’Empoli, anche perchè un ulteriore passo falso potrebbe far scivolare Chiellini e compagni a -8 dalla vetta della classifica. L’avvicinamento alla sfida del ‘Maradona’ però non è iniziata sotto la migliore stella, visto che Allegri rischia di dover fare a meno inizialmente di Dybala che arriverà solo venerdì dal Sud America insieme ai brasiliani. Non ci sarà invece Chiesa alle prese con problemi fisici accusati in Nazionale e preservato in vista della Champions. Possibile, quindi, l’impiego dall’inizio di Kean e Locatelli. In casa Napoli, Luciano Spalletti ritrova Osimhen a cui è stata ridotta la squalifica e dovrebbe lanciare a centrocampo il neo acquisto Anguissa vista l’assenza di Zielinski. L’unico dubbio è in porta dove, infortunato Meret, Ospina dovrebbe giocare pur arrivando solo venerdì sera dal Sud America.

 L’altro big match è in programma domenica, con il Milan e la Lazio che si affrontano a San Siro con in palio il primato in classifica a punteggio pieno. Pioli sarà privo di Giroud alle prese con il Covid, ma potrebbe ritrovare Inrahimovic almeno per la panchina. Il tecnico rossonero dovrebbe rispolverare il croato Rebic in attacco al fianco di Leao e con Brahim Diaz confermato sulla trequarti. In mediana Kessie, recuperato dall’infortunio, dovrebbe essere preferito a Bennacer. Pioli si prenderà tutto il tempo per decidere, visto che mercoledì c’è anche l’attesissimo esordio in Champions League ad Anfield contro il Liverpool. In casa Lazio, Sarri punterà su un Immobile con il dente avvelenato dopo le critiche per l’ultima prestazione in azzurro. Il bomber sarà affiancato ancora da Pedro (favorito sul neo acquisto Zaccagni) e Felipe Anderson che in vista del match di San Siro suona la carica: “Siamo una squadra ambiziosa, cattiva che vuole vincere a tutti i costi. Insieme faremo grandi cose”. A centrocampo il dubbio è fra Luis Alberto e Basic, con lo spagnolo in vantaggio.

 Sulla carta più agevole l’impegno che attende l’Inter campione d’Italia, di scena a Genova in casa della Sampdoria. I nerazzurri arrivano alla sfida di Marassi con l’entusiasmo di chi sembra non aver subito contraccolpi di clamorosi cambiamenti estivi. Simone Inzaghi potrebbe preservare Correa e Lautaro, che rienteranno solo venerdì dal Sud America, anche in vista dell’impegno di Champions League contro il Real Madrid. Il tecnico potrebbe quindi riproporre un 3-5-1-1 con il recuperato Sensi alle spalle di Dzeko unica punta. A destra dovrebbe toccare ancora a Darmian anche se Dumfries scalpita, mentre a sinistra Dimarco è in leggero vantaggio su Perisic. Nella Samp dell’ex Candreva, D’Aversa potrebbe lanciare in attacco subito il neo arrivato Caputo al fianco di Quagliarella, vista l’indisponibilità di Torregrossa e Gabbiadini. In difesa in dubbio il polacco Bereszynski con Depaoli pronto all’occorrenza. La vera notizia, però, è la designazione di Orsato come arbitro di una partita dell’Inter per la prima volta dopo tre anni e mezzo.

 Impegni casalinghi da non sottovalutare per Atalanta e Roma, rispettivamente contro Fiorentina e Sassuolo. I nerazzurri di Gasperini saranno privi dell’infortunato Muriel in attacco, mentre Zapata è recuperato ma dovrebbe andare solo in panchina. In attacco spazio all’inedita coppia formata da Ilicic e Malinovskyi con l’azzurro Pessina alle spalle. Di fronte una Fiorentina rinfrancata e con un Vlahovic in gran forma e sempre affamato di gol. All’Olimpico, la Roma di Mourinho si affiderà al bomber Abraham con Zaniolo e Mkhitaryan al fianco. Da valutare le condizioni di Pellegrini. Nel Sassuolo, Dionisi si affiderà ad un Raspadori con il morale a mille dopo il gol in nazionale. Al fianco del baby bomber Berardi e Boga. Nelle altre partite, possibile esordio di Ribery con la maglia della Salernitana in casa del Torino. L’Empoli riceve il Venezia, il Bologna affronta il Verona, lo Spezia torna al Picco contro l’Udinese mentre il Cagliari ospita il Genoa in una sfida già dal sapore di salvezza.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata