Il direttore tecnico rossonero ufficializza l'addio al portiere: "Non posso che augurare il meglio a un ragazzo sensibile come lui"

Gigio Donnarumma non vestirà più la maglia del Milan. Dopo giorni di indiscrezioni – con la società che si era già mossa acquistando dal Lilla il francese Mike Maignan – l’ufficialità dell’addio arriva direttamente per voce di Paolo Maldini, direttore tecnico del club.

Maldini: “Le strade si dividono”

“Credo si debba ringraziare tutti i calciatori che hanno fatto questa stagione incredibile. Gigio è stato leader e spesso capitano. La gente fa fatica a capire cosa voglia dire fare il professionista, che deve essere pronto a cambiare casacca. È sempre più difficile trovare carriere che iniziano in un posto e finiscono in quel posto lì. Bisogna avere rispetto per chi ha dato tanto al Milan, Gigio l’ha fatto, non ci ha mai mancato di rispetto. Le strade si dividono, non posso che augurare il meglio a un ragazzo sensibile come lui“, ha dichiarato Maldini a Milan TV.

Futuro incerto

Non è ancora chiaro con quale squadra giocherà la prossima stagione Donnarumma. Sulle sue tracce, da tempo, ci sono Juventus (alle prese, però, con l’addio di Paratici, i dubbi di Cristiano Ronaldo e il nodo sul tecnico ancora da sciogliere), Manchester United e Paris Saint-Germain, alle quali in questi ultimi giorni si sarebbe aggiunto il Barcellona. Su Juve e Barça, tuttavia, potrebbe incidere la possibile squalifica per due anni dalle competizioni europee da parte dell’Uefa per la vicenda Superlega. A ogni modo, a oggi nessun club ha presentato un’offerta formale al giocatore e al suo procuratore Mino Raiola.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata