I blucerchiati tornano a casa con un 2-1 e 14 punti in classifica

Colpo esterno della Sampdoria che nel turno infrasettimanale espugna il Bentegodi di Verona per 2-1 grazie ai gol di Ekdal e Verre. Un successo che ai blucerchiati mancava da quasi due mesi. A nulla serve per l’Hellas in rigore di Zaccagni: con questo successo la formazione di Ranieri sale a quota 14 punti in classifica, mentre gli scaligeri di Juric restano fermi a 19.

I blucerchiati si presentano con una formazione del tutto inedita, rivoluzionata dalle scelte di Ranieri: out Candreva per scelta tecnica, inizialmente anche Quagliarella finisce in panchina. Davanti spazio a La Gumina e Verre. L’Hellas, dal canto suo, è come sempre una centrifuga di rotazioni: dentro Zaccagni e Salcedo alle spalle di Di Carmine. Per vedere la prima vera emozione della partita bisognerà aspettare la seconda metà del primo tempo: l’approccio alla gara delle due formazioni è infatti molto attendista, con lo spettacolo che fatica a carburare. Al 30′ è la Samp ad affacciarsi in avanti, con La Gumina che impegna Silvestri con una bella spizzata da calcio d’angolo. Dopo cinque minuti c’è la reazione degli scaligeri, anche loro alla prima vera palla gol: Barak avanza in percussione con una serie di rimpalli, ma viene ipnotizzato da Audero al momento della conclusione. La gara del “Bentegodi” si sblocca improvvisamente al 41′ di gioco: ci pensa una magia di Ekdal a beffare Silvestri, con il centrocampista doriano che dai trenta metri indovina l’angolino basso per lo 0-1 che accompagna le squadre negli spogliatoi.

Ad inizio ripresa la Samp parte ancora forte e trova l’immediato 2-0, con Verre che approfitta dell’ingenuità di Lovato per raddoppiare.

Juric prova a correre ai ripari pescando forze fresche dalla panchina: dentro Tameze, Colley e Ruegg. I cambi portano nuova linfa all’Hellas che al 70′ riapre i giochi dal dischetto: Colley viene atterrato, Zaccagni dagli undici metri non sbaglia e fa 1-2. Anche Ranieri a questo punto corre ai ripari inserendo forze fresche con Ramirez e Leris. Il finale è un monologo del Verona, riversato in avanti alla ricerca del pareggio: il muro Samp però tiene duro, con il nervosismo che cresce. A farne le spese è Barak che in pieno recupero viene espulso per un pestone a La Gumina. Finisce così 2-1 per la Sampdoria che allunga sulla zona retrocessione.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata