Lunedì 30 Ottobre 2017 - 13:15

Torino, Appendino: "Nessuna nomina al posto di Giordana"

Il capo di gabinetto si è dimesso dopo aver chiesto all'ad della Gtt di togliere una multa a un amico

Torino Pride, Chiara Appendino alla  Conferenza stampa di presentazione

"Con la riorganizzazione del Servizio centrale gabinetto del sindaco avvenuta il 27 settembre 2016 con la delibera della Giunta Comunale le funzioni amministrative e quelle di indirizzo politico sono state divise. Le prime sono state assegnate, come prescrive il Tuel, a un dirigente di ruolo della Città il quale fino alla data del 18 settembre 2017 era il dottor Paolo Lubbia ed attualmente è il dottor Giuseppe Ferrari. Al momento, a seguito delle dimissioni del capo di gabinetto, non è mia intenzione nominare nessuno in tali funzioni". Lo afferma in una nota la sindaca di Torino, Chiara Appendino, a seguito delle dimissioni di Paolo Giordana, avvenute sabato per una intercettazione nella quale chiedeva all'ad di Gtt Walter Ceresa di togliere una multa ad un amico.

"Sono convinto della correttezza del mio operato e lo dimostrerò nelle sedi opportune - aveva dichiarato Giordana in una nota - Mi preme, più che ogni altra cosa, tutelare la città di Torino e l'amministrazione. Per questa ragione ho prontamente rassegnato le dimissioni nelle mani della sindaca". La decisione di Giordana è arrivata dopo la pubblicazione del testo dell'intercettazione della telefonata.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Elezioni, la nuova strategia di Berlusconi: sventolare cartelloni azzurri

E su ogni foglio slogan brevi con i punti della campagna elettorale

Direzione Nazionale del Partito Democratico

Inchiesta Napoli, De Luca contrattacca: "Siete squadristi e camorristi"

Il padre dell'assessore dimissionario di Salerno attacca tutti, da Di Maio a Grasso

Binni: "Massoni impresentabili? Discriminati. Da noi no candidati"

Non la manda a dire il gran maestro della Gran Loggia d'Italia degli A.L.A.M.

Paolo Gentiloni interviene alla manifestazione nazionale della lista “Insieme”

Rai, aumentano gli esentati dal canone over 75. Gentiloni: "Saranno 350mila"

"Il sostegno alle fasce più deboli della popolazione rappresenta un valore imprescindibile per il servizio pubblico radiotelevisivo", comunica la Rai in una nota