Lunedì 30 Ottobre 2017 - 13:15

Torino, Appendino: "Nessuna nomina al posto di Giordana"

Il capo di gabinetto si è dimesso dopo aver chiesto all'ad della Gtt di togliere una multa a un amico

Torino Pride, Chiara Appendino alla  Conferenza stampa di presentazione

"Con la riorganizzazione del Servizio centrale gabinetto del sindaco avvenuta il 27 settembre 2016 con la delibera della Giunta Comunale le funzioni amministrative e quelle di indirizzo politico sono state divise. Le prime sono state assegnate, come prescrive il Tuel, a un dirigente di ruolo della Città il quale fino alla data del 18 settembre 2017 era il dottor Paolo Lubbia ed attualmente è il dottor Giuseppe Ferrari. Al momento, a seguito delle dimissioni del capo di gabinetto, non è mia intenzione nominare nessuno in tali funzioni". Lo afferma in una nota la sindaca di Torino, Chiara Appendino, a seguito delle dimissioni di Paolo Giordana, avvenute sabato per una intercettazione nella quale chiedeva all'ad di Gtt Walter Ceresa di togliere una multa ad un amico.

"Sono convinto della correttezza del mio operato e lo dimostrerò nelle sedi opportune - aveva dichiarato Giordana in una nota - Mi preme, più che ogni altra cosa, tutelare la città di Torino e l'amministrazione. Per questa ragione ho prontamente rassegnato le dimissioni nelle mani della sindaca". La decisione di Giordana è arrivata dopo la pubblicazione del testo dell'intercettazione della telefonata.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Genova, il giorno dopo il crollo del ponte

Genova, governo stanzia fondi e 'licenzia' Autostrade: parte battaglia legale

Sono 28 i milioni per l'emergenza che si vanno ad aggiungere ai cinque già assegnati

Maria Elena Boschi alla festa del PD a Botticino

Boschi non invitata a Festa Unità Firenze: "È iscritta a Bolzano"

L'organizzazione: "Abbiamo dato precedenza agli eletti nei collegi fiorentini"

Ponte Morandi, il gigante che sovrasta le case di Genova

Genova, governo: "Avviato iter su decadenza concessione ad Autostrade"

Prima l'annuncio del ministro delle Infrastrutture su Facebook, poi la conferma del premier Conte

Genova, crollo Ponte Morandi: continuano le ricerche dei dispersi e la messa in sicurezza

Genova, Renzi contro Di Maio: "Autostrade finanziava Lega e Conte era legale Aiscat"

Il senatore Pd rimanda al mittente le accuse di aver ricevuto soldi dai Benetton per le campagne elettorali