Lunedì 30 Ottobre 2017 - 13:15

Torino, Appendino: "Nessuna nomina al posto di Giordana"

Il capo di gabinetto si è dimesso dopo aver chiesto all'ad della Gtt di togliere una multa a un amico

Torino Pride, Chiara Appendino alla  Conferenza stampa di presentazione

"Con la riorganizzazione del Servizio centrale gabinetto del sindaco avvenuta il 27 settembre 2016 con la delibera della Giunta Comunale le funzioni amministrative e quelle di indirizzo politico sono state divise. Le prime sono state assegnate, come prescrive il Tuel, a un dirigente di ruolo della Città il quale fino alla data del 18 settembre 2017 era il dottor Paolo Lubbia ed attualmente è il dottor Giuseppe Ferrari. Al momento, a seguito delle dimissioni del capo di gabinetto, non è mia intenzione nominare nessuno in tali funzioni". Lo afferma in una nota la sindaca di Torino, Chiara Appendino, a seguito delle dimissioni di Paolo Giordana, avvenute sabato per una intercettazione nella quale chiedeva all'ad di Gtt Walter Ceresa di togliere una multa ad un amico.

"Sono convinto della correttezza del mio operato e lo dimostrerò nelle sedi opportune - aveva dichiarato Giordana in una nota - Mi preme, più che ogni altra cosa, tutelare la città di Torino e l'amministrazione. Per questa ragione ho prontamente rassegnato le dimissioni nelle mani della sindaca". La decisione di Giordana è arrivata dopo la pubblicazione del testo dell'intercettazione della telefonata.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Dibattito confronto tra le candidate presidenti del X Muncipio

Ostia,ballottaggio blindato ma si chiude senza big. Scintille Meloni-M5S

Al primo turno la candidata pentastellata Di Pillo è stata la più votata con il 30,21%, seguita da quella del centrodestra Picca con il 26,68%

Paolo Gentiloni e Walter Veltroni alla presentazione del libro "Quando"

Gentiloni: "Il centrosinistra sia largo e unito"

Il premier avverte: "Rifugiarsi nella nostalgia del passato è un rischio drammatico"

Gianfranco Fini ospite a "Porta a Porta"

Gianfranco Fini in Procura. E' stato sentito sul caso Tulliani

E' indagato per riciclaggio. Il cognato alla testa di un'organizzazione criminale che faceva girare milioni

Presidio dei Radicali Italiani per il biotestamento

Scheda, nella legge sul Biotestamento, il diritto di rifiutare cibo e acqua

Ecco il testo approvato lo scorso 20 aprile alla Camera. Stabilito il diritto alla dignità e all'autodterminazione