Mercoledì 24 Agosto 2016 - 19:15

Terremoto, Renzi: Almeno 120 vite spezzate e non è bilancio definitivo

"Domani verrà proclamato lo stato d'emergenza per le zone colpite"

Terremoto, Renzi: Almeno 120 vite spezzate e non è bilancio definitivo

"Ci sono almeno 120 vite spezzate, ed è un bilancio che non è definitivo". Queste le parole del premier Matteo Renzi, nel corso di una conferenza stampa a Rieti dopo un vertice sul sisma nel centro Italia. "Quello che è accaduto è un evento di impatto enorme. Bisogna garantire una ricostruzione vera, anche se oggi è il momento di asciugarci le lacrime", ha aggiunto.

"I feriti e i malati che sono stati portati via da Amatrice e Accumoli con elicotteri ed eliambulanze sono 368 da questa mattina. C'è un problema con il riconoscimento delle salme, ma stiamo lavorando". 

Nel Consiglio dei Ministri, convocato per domani a palazzo Chigi, "prenderemo i primi provvedimenti con la Protezione civile, che saranno già immediati" per rispondere all'emergenza post-terremoto e verrà proclamato lo stato d'emergenza per le zone colpite, ha concluso Renzi. 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Caserta, sei stanze della Reggia sequestrate dopo crollo intonaco

Domenica scorsa crollata una parte dell'intonaco del soffitto settecentesco, senza causare feriti

Ryanair strike

Trasporti, venerdì nero per gli aerei. Dopo Ryanair scioperi a catena

Possibili disagi per i passeggeri. Protestano le principali compagnie: da Vueling ad Alitalia

Processo omicidio Piscaglia, in aula il presunto assassino Padre Graziano

Caso Guerrina, condannato padre Gratien ma pena ridotta

In primo grado, il 24 ottobre del 2016, la Corte d'assise di Arezzo lo aveva condannato a 27 anni di reclusione. Il sacerdote: "Giustizia razzista"

FILE PHOTO: The headquarters of the European Medicines Agency (EMA), is seen in London

Ema, Lorenzin: "Se Amsterdam in ritardo verificare se assegnazione ancora valida"

Il ministro della Saluta riporta alcune indiscrezioni da Londra e Bruxelles