Mercoledì 24 Agosto 2016 - 19:15

Terremoto, Renzi: Almeno 120 vite spezzate e non è bilancio definitivo

"Domani verrà proclamato lo stato d'emergenza per le zone colpite"

Terremoto, Renzi: Almeno 120 vite spezzate e non è bilancio definitivo

"Ci sono almeno 120 vite spezzate, ed è un bilancio che non è definitivo". Queste le parole del premier Matteo Renzi, nel corso di una conferenza stampa a Rieti dopo un vertice sul sisma nel centro Italia. "Quello che è accaduto è un evento di impatto enorme. Bisogna garantire una ricostruzione vera, anche se oggi è il momento di asciugarci le lacrime", ha aggiunto.

"I feriti e i malati che sono stati portati via da Amatrice e Accumoli con elicotteri ed eliambulanze sono 368 da questa mattina. C'è un problema con il riconoscimento delle salme, ma stiamo lavorando". 

Nel Consiglio dei Ministri, convocato per domani a palazzo Chigi, "prenderemo i primi provvedimenti con la Protezione civile, che saranno già immediati" per rispondere all'emergenza post-terremoto e verrà proclamato lo stato d'emergenza per le zone colpite, ha concluso Renzi. 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Blitz allevatori all'Antitrust per la 'Guerra del latte'

Antitrust, al via al 13mo convegno: tra gli sponsor anche Intesa San Paolo

I lavori saranno aperti il prossimo 24 maggio dal Johannes Laitenberger, direttore generale della concorrenza della Commissione europea e dal presidenye Agcom Giovanni Pitruzzella

Bari, turista americana trovata morta in un b&b con lividi sul collo

Fermo, lite culmina in tragedia: pensionato uccide la moglie con un fucile

Le ha sparato tre colpi al petto, durante un litigio in camera da letto

Francavilla, uomo lancia figlia della convivente dal viadotto della A14 e si suicida

La tragedia del cavalcavia. "Filippone non aveva problemi psichici"

Chieti: tre le vittime della follia dell'uomo: la moglie, la figlia e lui stesso. Molti aspetti ancora da chiarire

Presentazione del progetto " Stradeinfesta "

Roma si mobilita per la Casa delle donne. Raggi: "Non la chiuderemo"

A rischio la storica sede di associazioni dei movimenti femministi in via della Lungara. La consigliera M5S Guerini intenderebbe trasformarla in un centro di coordinamento gestito da Roma Capitale