Venerdì 24 Febbraio 2017 - 09:30

Terremoto, Errani: Resto al mio posto. Sfogo era per accelerare

"Sono una persona seria. Non gioco partite su più tavoli"

Terremoto, Errani: Resto al mio posto. Sfogo era per accelerare

"Sono una persona seria. Non gioco partite su più tavoli. Credo che la mia storia lo confermi al 100%". Così il Commissario per la ricostruzione, Vasco Errani, in un'intervista al Corriere della Sera a seguito della dichiarazioni durante una riunione con i sindaci delle Marche in cui lo stesso Commissario lamenta i ritardi nella ricostruzione post-terremoto. "Io quelle cose lì le ho dette di fronte ai sindaci delle Marche per dare un impulso ad accelerare a un sistema organizzato che sempre meglio deve valorizzare le funzioni sul territorio", spiega Errani, che domani interverrà al suo circolo Pd. "Dirò lì ciò che penso e se andrò via dal Pd. Ma il mio incarico è istituzionale e comunque lo porterò a termine". Perchè, precisa, "non c'è bisogno di nessun chiarimento con il presidente del Consiglio, ho lavorato benissimo e svolgerò la mia funzione utile fino alla fine".
 

 Quanto a Renzi, Errani spiega che "sul terremoto c'è stato un impegno pieno, comune e condiviso". Io, ribadisce "ho poteri sulla ricostruzione. Abbiamo fatto un impianto normativo ottimo. Non ce n'è mai stato uno così. Nemmeno in Emilia. Abbiamo fatto ordinanze importanti. È già possibile avviare i lavori di riparazione dei danni lievi e la ripresa delle attività economiche. Abbiamo finanziato un piano-scuola per 21 nuovi istituti. E a giorni verrà emanata l'ordinanza per la riparazione dei danni gravi".
E sulla frase incriminata, per cui "non esiste che per casette, stalle e macerie, serva tutto questo tempo", Errani ricorda che è "materia di Protezione civile". Le critiche quindi non sono rivolte ai sindaci "che sono in frontiera e sono fondamentali. È stato deciso di organizzarci meglio e in modo da avere un rapporto diretto e continuativo con loro che ora sono stazione appaltante". I primi cittadini "possono fare aree di urbanizzazione, ordinanze di demolizione, puntellamenti e delocalizzazione di centri commerciali, e su questo c'è piena copertura".

Circa invece alla posibilità di fare la 'no tax area' "lavoriamo per trovare una forma più efficace, sia dal punto di vista fiscale che contributivo, che favorisca permanenza e rilancio delle attività". E sulle paure dei terremotati che una caduta del governo aumenti i ritardi, Errani chiarisce "sul terremoto c'è un impegno che va oltre. Del capo dello Stato (che ringrazio), di due governi, del Parlamento. È un impegno della Repubblica che lo porterà avanti nel migliore dei modi". 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Grillo lascia il blog Cinque stelle e ne lancia uno nuovo: "Utopia per andare avanti"

Divisione storica con la Casaleggio associati. Il comico genovese: "Bisogna essere sempre curiosi, il mio mantra è questo qui"

Milano, Matteo Salvini ospite della Club House di Brera

Salvini contro Berlusconi: "Se il 3% imposto dall'Ue ci danneggia non esiste"

Il leader Lega contrario all'alleato che ha definito il limite discutibile, ma una regola che verrà rispettata

Elezioni Politiche - I simboli dei partiti depositati al Viminale

Elezioni, programmi a confronto: le promesse dei partiti da meno tasse a più lavoro

A poco più di 40 giorni dal voto, i leader tentano fughe in avanti per differenziarsi dai competitors. Ma in realtà le proposte degli schieramenti non sono poi così distanti

Milano, assemblea circoli Pd

Burioni dice no a Renzi: "Non mi candido, ma la mia lotta continua"

Il medico e volto della campagna pro vaccini: "Combatterò per la verità contro le bugie fuori dal Parlamento". E agli elettori: "Evitate i cialtroni"