Mercoledì 13 Luglio 2016 - 15:00

Sindaca di Corleone: Ci siamo liberati di Provenzano, è una festa

Posizione netta di Leoluchina Savona: "Contraria ai funerali pubblici"

Sindaca di Corleone: Ci siamo liberati di Provenzano, è una festa

"La morte di Provenzano? Una grande liberazione per la nostra città, più del 25 aprile. Per Corleone è un giorno di festa". Così Leoluchina Savona, sindaca di Corleone, commenta la morte del boss dei boss all'ospedale San Carlo di Milano, dove era detenuto in regime di 41 bis. La sindaca Savona si dichiara "contraria ai funerali pubblici" per il boss, e spiega: "La famiglia privatamente quello che vuole fare farà. Ma io mi opporrò a qualsiasi tipo di cerimonia pubblica a Corleone". "Ci siamo liberati di un personaggio che, visti i fatti di cronaca, era una presenza molto ingombrante per Corleone - aggiunge ancora -. Bernardo Provenzano era un mafioso, e la sua morte sarà seguita da quella delle persone che come lui hanno fatto del male alla nostra terra, personaggi di cui non si può fare altro che parlarne male perchè con le loro azioni hanno distrutto l'onestà, che col tempo abbiamo riacquistato. Oggi per Corleone non è un giorno di lutto ma un giorno di festa".

LEGGI ANCHE 'Mafia, morto il boss dei boss Provenzano: era stato catturato nel 2006 dopo 43 anni'

LEGGI ANCHE Poliziotto Catturandi: Arrestammo un fantasma

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Bari, turista americana trovata morta in un b&b con lividi sul collo

Roma, madre e figlia trovate morte in casa: ipotesi omicidio-suicidio

La 43enne si sarebbe gettata dalla finestra dopo aver accoltellato la ragazza di 18 anni

Cielo coperto e piogge sparse: il meteo del 28 e 29 maggio

Le previsioni dell'aeronautica militare

Ambulanze a Milano

Sassari, calciatore dilettante ucciso con coltellata: aggressore in fuga

È intervenuto per difendere donne e compagni di squadra in un circolo importunati dall'uomo che poi lo ha colpito

Piacenza, uccide la moglie a coltellate davanti al figlio 17enne

Il ragazzo ha chiamato la polizia. L'uomo ha provato a fuggire, poi si è costituito