Lunedì 19 Dicembre 2016 - 17:30

Salvini dice sì al Mattarellum: Pronti a votarlo anche con il Pd

Quella legge elettorale "è già stata usata, quindi se vuoi in 15 giorni la riapprovi"

Salvini dice sì al Mattarellum: Pronti a votarlo anche con il Pd

La Lega apre alla proposta lanciata ieri dal segretario del Pd Matteo Renzi di un rapido ritorno al Mattarellum per poi andare al voto. Il Carroccio - dichiara Matteo Salvini - è disposto a presentare una proposta di ritorno al Mattarellum "anche insieme al Pd", perché "il merito è quello, non cambia a prescindere da chi lo presenti". "Non ti devi inventare niente - aggiunge - perché" la legge "è già stata usata e quindi se vuoi in 15 giorni la riapprovi. Anche prima della Consulta potrebbe arrivare una nuova legge e quindi si potrebbe votare anche in primavera".

Salvini inoltre aggiunge: "Siamo pronti a votarla con tutti, purché si faccia in fretta!".

LEGGI ANCHE Renzi all'assemblea Pd: Su legge elettorale ripartire da Mattarellum

COME FUNZIONA IL MATTARELLUM. Il Mattarellum, che prende il nome dal suo relatore Sergio Mattarella, è una legge elettorale a turno unico, senza ballottaggio. Prevede un sistema misto per la scelta di deputati e senatori: 475 seggi, il 75% di quelli in palio tra Camera e Senato, vengono assegnati con metodo maggioritario. Il territorio nazionale viene diviso in collegi elettorali uninominali. Ognuno di essi comprende un certo numero di elettori e permette l'elezione del candidato che ottiene il maggior numero di voti. Alla Camera il rimanente 25% dei seggi viene assegnato attraverso un sistema proporzionale con liste bloccate, in cui vengono eletti i candidati collocati ai primi posti della lista, senza preferenze. L'elettore ha a disposizione una scheda elettorale separata per l'attribuzione di questi 155 seggi residui, cui accedono solo i partiti che superano la soglia di sbarramento nazionale del 4%.

Il restante 25% delle poltrone al Senato, 83 seggi, viene eletto su base regionale attraverso il cosiddetto 'scorporo', ovvero il recupero proporzionale dei candidati più votati non eletti.

Il Mattarellum è stato in vigore dal 1994 al 2001. La legge ha fatto il suo debutto con le elezioni politiche italiane del 1994, con formazione della XII legislatura e vittoria di Silvio Berlusconi. Nel 1996 mandò a palazzo Chigi Romano Prodi, nel 2001 segnò il ritorno dell'ex Cavaliere.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Il presidente francese Emmanuel Macron in visita a Roma

Elezioni, Mattarella: "Astensionismo mina democrazia. Nessuno deve chiamarsi fuori"

Il presidente della Repubblica: "Cittadini e istituzioni devono essere attivi e attivarsi, in sintesi, in vista di questa scadenza"

Milano, il candidato PD alla presidenza della regione Giorgio Gori ad un convegno

Migranti, Gori: "Grave che avvocato non capisca la Costituzione". Fontana: "Mia espressione infelice"

Il candidato Pd per la regione Lombardia commenta la frase shock dello sfidante di destra

Torino, Il candidato premier M5s Luigi Di Maio a pranzo con i vertici del Movimento

Parlamentarie M5S, Rousseau a singhiozzo. Disagi e proteste

Molte lamentele perché non si riesce a votare o mancano i nomi di alcuni candidati. Per i collegi uninominali sceglierà Di Maio

Porta a Porta. Ospite Beatrice Lorenzin

Lazio, Lorenzin contro LeU e avverte Zingaretti: "Pronta a candidarmi"

E' possibile che, a livello nazionale, Civica popolare vada con il Pd ma, a livello locale, corra da sola il 4 marzo nell'Election Day