Domenica 18 Dicembre 2016 - 10:45

Renzi all'assemblea Pd: Su legge elettorale ripartire da Mattarellum

L'ex premier: "Referendum straperso, soprattutto al Sud". E Giachetti attacca Speranza: "Hai la faccia come il c..."

Pd in Assemblea con il ritorno di Renzi. E Speranza annuncia: Mi candido alla segreteria

Matteo Renzi torna a parlare al Partito democratico. E lo fa in assemblea nazionale a Roma, dove è stato accolto da una standing ovation. "Si chiude un anno straordinario, nel senso di fuori dall'ordinario. In pochi avrebbero scommesso sulla vittoria di Trump. Ha vinto la Brexit e perso un'idea di Europa, forse un'idea di Europa troppo imbalsamata che deve essere messa in discussione. Abbiamo, ho perso il referendum ed è chiaro che questo influenza il sentiero dell'Europa", ha dichiarato il segretario del Pd nel suo intervento. Ed è proprio sul referendum che ha voluto tornare, sottolineando che serve "un'analisi dura, spietata, di quello che è successo". Secondo Renzi, l'Italia è arrivata a "un passo dalla terza Repubblica", ma ora "sembra quasi che siamo tornati alla prima, senza in alcuni casi, la qualità della prima". L'ex presidente del Consiglio ha ammesso che sconfitta è stata clamorosa. "Non abbiamo perso, abbiamo straperso. Chi prende il 41% in un referendum è una sconfitta netta", ha proseguito, ribadendo però che le riforme portate avanti dal suo governo "non puzzano" e a suo avviso "resteranno", segnando "la grandezza del Pd e di quello che abbiamo fatto".

La sconfitta al referendum, ha spiegato ancora Renzi, si è consumata soprattutto "al Sud". "Il nostro approccio - ha proseguito - non è stato di disinteresse. Ci siamo stati, ma abbiamo sbagliato nel momento in cui abbiamo pensato che potesse essere sufficiente una politica di investimenti e non di coinvolgimenti. Io sono il primo responsabile. Abbiamo avuto un approccio troppo centrato sul notabilato e non sulle forze vive della comunità del Sud".

Poi Renzi è tornato sulla legge elettorale, proponendo di ripartire dal Mattarellum: "La proposta sulla legge elettorale c'è. E' la proposta che ha visto la stagione dell'Ulivo ed è la proposta che prende il nome del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il Pd c'è, gli altri partiti la accettano?".

Ed è stato proprio questo tema a scaldare la platea durante l'intervento di Roberto Giachetti, che si è scagliato contro il leader della minoranza Dem, Roberto Speranza: "Sulla legge elettorale mi sembra di giocare al gioco dell'oca... Roberto Speranza hai la faccia come il culo, avete la faccia come il culo. Quando potevamo votare il ritorno al Mattarellum Speranza era capogruppo". 

Loading the player...

La vigilia dell'assemblea è stata animata dall'annuncio arrivato ieri che lo stesso Speranza si candiderà alla segreteria del Nazareno. "Il congresso del Pd arriverà presto e io ci sarò. Chi mi conosce sa che non sono una prima donna ma oggi il partito deve cambiare. Qualcuno penserà che si tratta di un Davide contro Golia. Accetto la sfida perché so di non essere solo", ha annunciato ieri il leader della minoranza Dem, intervenendo all'iniziativa 'L'Italia prima di tutto. Un nuovo Pd per ricostruire il centrosinistra'.

Secondo Speranza "serve un congresso rifondativo non improvvisato ma preparato. Di questo abbiamo bisogno, non di una kermesse o di un plebiscito" perché "il Pd non deve essere un uomo solo al comando". Seduto in platea che Pier Luigi Bersani, che non nega la caratura del giovane lucano, ma dice anche chiaramente che le candidature sono "aperte" e se ne deve discutere dentro e fuori il Nazareno. "Siamo qui a caricarci di compiti nuovi politici e organizzativi per creare un'alternativa nel Pd - sottolinea l'ex segretario - che renda possibile per il Pd promuovere un nuovo campo del centrosinistra".

Nella stessa sede in via dei Fretani si fanno avanti anche Michele Emiliano ed Enrico Rossi. Il governatore della Puglia però avverte: "Parlare del nome del segretario significa fare come fa Renzi. Credo che adesso non sia il momento di parlare di nomi". Mentre dalla Toscana, Rossi si dice "contrario all'idea di una confederazione di tutti contro Renzi. Ma la nostra gente vuole unità tra di noi. Troveremo un modo, ora contano più i contenuti dei nomi". Oggi, arrivando all'Assemblea, lo stesso Rossi è tornato sulla candidatura del leader della minoranza Dem. "Speranza? Non si deve fare una confederazione antirenziana. Oggi da Renzi mi aspetto che annunci un congresso - i tempi ci sono -, non un election day. Renzi può indire il congresso, dimettersi e ripresentarsi". "Io - ha aggiunto Rossi - mi candido per dare rappresentanza all'area sociale".

Loading the player...

In merito alla candidatura alla segreteria del partito avanzata da Speranza, il senatore Stefano Esposito commenta: "E' bene, più candidature ci sono e meglio è" ma sottolinea come "la candidatura di Speranza è di una parte della minoranza, perchè poi c'è la candidatura di Rossi in campo già da tempo". Stefano Pedica invece si concentra sull'assemblea di domani nella quale occorre "ricostruire il Partito, superare le divisioni e fare del Pd il motore del nuovo centrosinistra. Si puo' perdere una battaglia ma bisogna fare tesoro degli errori e andare avanti con maggior impegno. E la prima cosa da fare e' ascoltare il nostro popolo, che e' fatto di persone e non di tessere di partito. Inutile parlare di candidati domani, meglio parlare di territorio e di lavoro". Duro invece il commento del senatore Andrea Marcucci: "Speranza  ha appena fatto in tempo a candidarsi, che già altri due  sono a contendergli la leadership della minoranza. Un ritorno al passato di cui il Pd non ha bisogno".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ministero dell'Interno. Firma del "Patto nazionale per un Islam italiano"

Terrorismo, due marocchini e un siriano espulsi da Italia

Con questi rimpatri, 70 nel solo 2017, salgono a 202 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi

L'Italia piange Bruno e Luca. Mattarella: "Lotta al terrore"

La politica si stringe nel dolore delle famiglie

Roberto Tamagna del Movimento 5 Stelle

Riforma costituzionale M5S: meno parlamentari e stop Cnel

Nel programma Cinquestelle ci sono la riduzione dell'indennità parlamentare e la limitazione dell'immunità penale

Viminale. Riunione del Comitato per l'Ordine e la sicurezza

Barcellona, Minniti: "In Italia attenzione a obiettivi a rischio"

Il ministro dell'Interno invita a tenere alta l'allerta su alcuni luoghi sensibili nel Paese