Martedì 15 Novembre 2016 - 15:15

Russia lancia nuovi raid contro militanti Isis in Siria

E' la prima volta che Mosca usa la sua portaerei per i combattimenti

Russia lancia nuovi raid contro militanti Isis in Siria

La Russia ha lanciato nuovi raid contro i militanti dello Stato islamico in Siria. Lo fa sapere il ministro della Difesa di Mosca Sergei Shoigu, spiegando che i raid continueranno, ma senza fare esplicito riferimento ad Aleppo.

E' la prima volta che Mosca usa la sua portaerei per i combattimenti. Shoigu ha detto che una fregata ha sparato missili da crociera, mentre jet dalla portaerei Admiral Kuznetsov sono stati coinvolti nella missione e missili sono stati anche lanciati da una base mobile sul terreno all'interno della Siria. Il ministro ha sottolineato che sono stati presi di mira luoghi associati con lo Stato islamico e con l'ex Fronte al-Nusra, ora Fronte della Conquista del Levante, nelle province di Homs e Idlib. "Stiamo parlando di depositi di munizioni, centro di addestramento dei terroristi e fabbriche", ha detto. I raid proseguono, ha aggiunto.

 

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Primi 100 giorni di Trump: 15mila protestano a Washington per clima

Primi 100 giorni di Trump: 15mila protestano a Washington per clima

La marcia è partita dal prato del Campidoglio, sede del Congresso Usa, ed è diretta verso la Casa Bianca

Brexit, Juncker: Difficile mantenere unità Ue, ma faremo di tutto

Brexit, Juncker: Difficile mantenere unità Ue, ma faremo di tutto

Oggi sono state approvate all'unanimità le linee guida Ue da seguire nel corso dei negoziati

Gentiloni alla riunione  a Bruxelles

Brexit, Ue approva all'unanimità linee guida per negoziato

Il presidente Tusk: Un mandato politico forte ed equo dei 27 è pronto per i colloqui

Wikipedia 15th anniversary

Turchia, Ankara blocca accesso a Wikipedia

Lo segnala un gruppo di monitoraggio delle attività online, Turkey Blocks. Ankara aveva già bloccato gli accessi a Twitter e Facebook