Martedì 26 Aprile 2016 - 10:45

Reggio Emilia, ucciso mentre dorme: fermato il fratello

L'uomo ha poi tentato il suicidio ingerendo dell'acido

Reggio Emilia, ucciso mentre dorme: fermato il fratello

Uccide il fratello e poi prova a suicidarsi. E' successo in provincia di Reggio Emilia. I carabinieri, poco dopo l'una e mezza di questa notte, sono intervenuti in una casa a Bibbiano, comune della Val d'Enza, dove era stato segnalato l'omicidio di un cittadino indiano. Giunti sul posto i militari hanno ritrovato, all'interno di una camera da letto riverso sul letto, il corpo senza vita di un 42enne. Nell'abitazione i militari hanno rintracciato anche il fratello della vittima che, dopo l'efferato delitto, ha cercato di togliersi la vita ingerendo un acido. L'omicida, che non versa in pericolo di vita, si trova ora piantonato in stato di fermo dai carabinieri.

Secondo i primi accertamenti, condotti dai carabinieri di Bibbiano, la vittima sarebbe stata ammazzata nel sonno dal fratello che l'ha colpito alla testa con un corpo contundente. Ancora la vaglio il movente dell'omicidio. Sul posto sono intervenuti anche i militari addetti ai rilievi scientifici del Nucleo investigativo del comando provinciale di Reggio Emilia.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, temperature vicine allo zero, persone infreddolite a porta Nuova

Nebbia e gelo: il meteo del 17 e del 18 dicembre

Continuano a scendere le temperature in questo nuovo inizio di settimana

REALI DI SAVOIA

Vittorio Emanuele III in Italia, la comunità ebraica contro il rientro: "Fatto inquietante"

La salma, partita da Alessandra d'Egitto durante la notte, è arrivata al santuario di Vicoforte

REALI DI SAVOIA

Savoia, la salma della regina Elena torna in Italia

Le spoglie sono ora al Santuario di Vicoforte e presto potrebbero arrivare anche quelle del marito, re Vittorio Emanuele III

Da operaio a rubagalline fino a diventare un killer: ecco chi è 'Igor'

L'ex soldato è arrivato in Italia nel 2005, prima lavora poi inizia a delinquere