Lunedì 20 Febbraio 2017 - 18:45

Pd, Rossi: Dopo quanto accaduto mi sento fuori da partito

"Il Pd e' diventato sempre più il partito di Renzi e non c'è spazio per una vera dialettica"

Pd, Rossi: Dopo quanto accaduto mi sento fuori da partito

"Sì, dopo quello che è accaduto non c'è altra possibilità".  Così Enrico Rossi, presidente della Toscana, risponde a Cartabianca su RaiTre a chi gli chiede se si senta già fuori dal partito. "Ora si deve lavorare e pensare ai programmi, il Pd e' diventato sempre più il partito di Renzi e non c'è spazio per una vera dialettica". Poi, spiega: "Non mi era mai capitato di partecipare ad una assemblea dove viene scientificamente organizzata la bastonatura di chi non la pensa come il segretario. In questo partito è evidente che non c'è spazio". 

"Io mi auguro che con Emiliano si possa andare avanti, poi sta a lui prendere decisioni e assumersi responsabilità. Ieri abbiamo firmato un documento che dice che Renzi ha provocato la scissione. Io penso che bisogna essere conseguenti". Così Enrico Rossi a Carta Bianca su RaiTre.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Centrodestra, firmato programma Cav-Salvini-Meloni ma è scontro con Fitto

E nell'ipotetico governo Berlusconi, Matteo Salvini potrebbe essere scelto come ministro dell'Interno

Silvio Berlusconi ospite a "Quinta Colonna"

Berlusconi e la gara di pipì con Confalonieri: "Sulle scarpe? Hai vinto tu"

L'ex Cav racconta un aneddoto capitato durante una festa coi vecchi compagni di scuola

Paolo Gentiloni all'inaugurazione dell'anno accademico della Luiss

Gentiloni: "Non è tempo delle cicale. Nessun rischio instabilità"

Il premier all'inaugurazione dell'anno accademico della Luiss di Roma: "L'Italia è il Paese più coerente in Ue nonostante cambi governo"

Matteo Salvini annuncia l'ingresso di Giulia Bongiorno nella Lega

Salvini 'ingaggia' Giulia Bongiorno: "Sarà capolista della Lega"

L'avvocatessa: "Ho portato avanti delle battaglie stando nel mio studio, ma è in Parlamento che le cose si fanno"