Venerdì 24 Novembre 2017 - 01:00

Ostia, tornano a parlare le armi. Due gambizzati in una pizzeria

I killer fanno fuoco contro il padre della titolare e un cuoco della "Disco Giro pizza". Feriti, uno in condizioni serie

Sparatoria in una pizzeria di Ostia «Discogiro», ristorante di via delle Canarie

Tornano a parlare le armi a Ostia. Due persone gambizzate nella notte in una pizzeria in Via delle Canarie: una di loro Alessio Ferreri, pizzaiolo di 41 anni con qualche precedente, è il nipote di Carmine Fasciani, boss della mala del litorale. L'altra persona ferita è Alessandro Bruno, 50 anni, responsabile del locale 'Disco Giro Pizza': entrambi sono ricoverati all'ospedale Grassi di Ostia e non sono in pericolo di vita.

Loading the player...

Tutto è successo poco dopo le 22: qualcuno, con il volto coperto dal casco, si avvicina al locale in moto, poi gli spari, le urla, le due vittime a terra. In una strada poco distante viene ritrovata la moto, data alle fiamme dopo esser stata usata dagli autori di un'azione che ha tutte le caratteristiche dell'agguato mafioso e arriva a pochi giorni dalle elezioni che hanno ridato al municipio un presidente e un consiglio dopo due anni di commissariamento per infiltrazioni della criminalità organizzata.

Di "episodio gravissimo" parla la neo presidente Giuliana Di Pillo, mentre proseguono senza sosta le indagini di squadra mobile e polizia scientifica per arrivare ai responsabili: vengono sentiti vittime e testimoni, e analizzate le immagini delle telecamere di sorveglianza della zona.

Intanto il Tribunale del Riesame rigetta la richiesta di scarcerazione arrivata dai difensori di Roberto Spada, il 42enne fratello di Carmine, boss dell'altra famiglia protagonista della criminalità di Ostia. Roberto Spada resta detenuto nel carcere di Tolmezzo, vicino a Udine, con l'accusa di violenza privata con metodo mafioso.

I fatti al centro dell'indagine risalgono al 7 novembre, quando il giornalista Daniele Piervincenzi e il cameraman Edoardo Anselmi sono stati aggrediti mentre stavano realizzando un'intervista a Ostia sui rapporti tra il clan Spada e CasaPound. Tutto è successo nei pressi della palestra della quale il 42enne è titolare, davanti ad almeno una decina di testimoni che difronte alla violenza fisica agli insulti e alle minacce dei due aggressori ("non vi fate più vedere qui! Vi prendo la macchina e vedi che non la trovi più!") non hanno prestato alcun soccorso e anzi hanno inveito contro le vittime urlando loro: "Andate via, qui non ci dovevate venire!".

L'aggravante del metodo mafioso deriva secondo gli inquirenti dal contesto nel quale l'aggressione è avvenuta e, soprattutto, dalla platealita' con la quale Spada ha voluto dare una prova di forza sul 'suo' territorio, davanti agli abitanti del quartiere. 

Scritto da 
  • Alessandra Lemme
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Milano, aggressione fra condomini del palazzo di Piazza Insubria 3

Giallo a Roma, bimba nomade ferita alla schiena: si indaga

Era in braccio a sua madre, in via Palmiro Togliatti, quando ha iniziato a piangere. La donna si è accorta del sangue e l'ha portata in ospedale

Operazione 'Gramigna' dei Carabinieri.Scacco al clan Casamonica

Mafia, blitz Casamonica: al via gli interrogatori di garanzia per arrestati

Tra i primi a comparire davanti al gip, avvalendosi della facoltà di non rispondere, è stato Domenico Strangio, ritenuto dagli inquirenti l'esponente dell'omonima cosca della Locride, che riforniva il clan di cocaina

Operazione 'Gramigna' dei Carabinieri.Scacco al clan Casamonica

Mafia, la cognata del boss: prima pentita del clan Casamonica

Debora C. ex moglie di Massimiliano Casamonica, decisiva nell'indagine che ha portato a 37 arresti. "Loro incutono timore e nessuno li denuncia"

Roma, inizio del processo ai carabinieri coinvolti nel caso Cucchi

Cucchi, madre in lacrime in aula: "Dal cadavere non l'ho riconosciuto"

Il toccante racconto di Rita Calore, mamma del geometra morto il 22 ottobre 2009 alcuni giorni dopo l'arresto per droga. Sono cinque i carabinieri coinvolti nel processo