Venerdì 09 Settembre 2016 - 18:30

Nord Corea, Ban Ki-moon chiede 'azioni adeguate' dopo test

Obama: "Usa non accetteranno che Corea diventi stato nucleare"

Nord Corea, Ban Ki-moon chiede 'azioni adeguate' dopo test

Il segretario generale Onu, Ban Ki-moon, ha condannato nei termini 'più forti possibili' il nuovo test nucleare della Corea del Nord e ha chiesto che il Consiglio di sicurezza dell'Onu realizzi "azioni adeguate". "Siamo profondamente preoccupati per le continue provocazioni", ha dichiarato Ban in una breve apparizione davanti ai giornalisti prima dell'inizio della riunione del Consiglio di sicurezza sul tema. Il test nucleare della Corea del Nord è una "violazione sfacciata" delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza dell'Onu, ha aggiunto il segretario generale, esortando il Consiglio di sicurezza, che si riunirà questa sera, a rimanere unito. "Dobbiamo urgentemente rompere questa spirale escalation", ha detto Ban ai giornalisti.

"È chiaro che gli Stati Uniti non accettano e non accetteranno mai la Corea del Nord come stato nucleare", ha dichiarato inoltre il presidente Usa Barack Obama promettendo di lavorare con gli alleati statunitensi per nuove sanzioni contro Pyonyang dopo l'ennesimo test nucleare di oggi. Il presidente considera infatti il lancio nordcoreano come "una grave minaccia" alla sicurezza della regione e alla pace internazionale.

Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha annunciato di aver parlato al telefono con i leader di Corea del Sud e Giappone, che hanno accettato di lavorare con gli altri paesi "per prendere misure significative aggiuntive, tra cui nuove sanzioni, per dimostrare alla Corea del Nord che ci sono conseguenze per le sue azioni illegali e pericolose".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Israeli security forces arrest Palestinian men following clashes outside Jerusalem's Old city

Hamas inneggia all'assassino dei coloni. Israele arresta il fratello

Dopo gli scontri di ieri e l'attacco di un giovane in Cisgiordania, prosegue il botta e risposta tra le parti

Polizia spagnola arresta quattro persone accusate di jihadismo

Interpol: 173 combattenti dell'Isis pronti ad attacchi in Europa

The Guardian ha visto la lista dei nomi. Sarebbero addestrati, ma non si sa quanti siano già sul continente europeo

Marcia indietro di "The Sun". Napoli esce dalle città pericolose

Un'inchiesta del quotidiano inglese l'aveva messa insieme a Raqqa, Mogadiscio e Caracas. Le proteste

White House spokesman Sean Spicer holds an off-camera briefing (no TV) at the White House in Washington

Trump nomina il capo della comunicazione. Portavoce lascia

Sean Spicer, fedelissimo del presidente si dimette in disaccordo con la scelta del finanziere Anthony Scaramucci