Mercoledì 26 Ottobre 2016 - 11:45

Migranti, Frontex: Se Ue fosse più unita avremmo risultati migliori

Il direttore Fabrice Leggeri: "L'Italia è in prima linea e lo sarà ancora per tanto tempo"

Migranti, Frontex: Se Ue fosse più unita avremmo risultati migliori

"Se avessimo maggiore unità come Unione europea, avremmo migliori risultati nei rapporti con i Paesi terzi che potrebbero rimpatriare i migranti irregolari". Queste le parole del direttore esecutivo di Frontex Fabrice Leggeri nella conferenza alla Stampa estera. "Ad agosto ci sono stati più di 23mila arrivi sulle coste italiane provenienti dalla Libia. A settembre circa 15mila e da ottobre c'è stato un altro aumento importante. Come vediamo, le ondate di migranti sono fluttuanti ma dipendono anche da come i trafficanti ragionano. Per questo vogliamo migliorare l'aiuto che Frontex dà all'Italia perché l'Italia è in prima linea e lo sarà ancora per tanto tempo", ha sottolineato Leggeri.

"La registrazione e la sicurezza sono i maggiori risultati dovuti a Frontex. Il tasso di registrazione in Grecia oggi è pari al 95%. Ieri ad Augusta ho visto uno sviluppo estremamente positivo. Anche se ci sono immagini di tremila o cinquemila persone che arrivano in massa, le autorità italiane ed europee, insieme a Frontex, riescono a farvi fronte", ha aggiunto il direttore esecutivo. 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Jena, Angela Merkel alla conferenza "Citizens' dialogue on the future of Europe"

Migranti, Berlino: "Accordo con Grecia, intesa vicina anche con Italia"

Al centro i respingimenti al confine dei profughi che abbiano già chiesto asilo in altri Paesi europei

Si ribalta pullman Flixbus in viaggio verso Berlino: 16 feriti

Il mezzo è finito in un fossato, si indaga sulla dinamica. Sei persone in gravi condizioni

Bari, iniziativa Coldiretti per salvare il grano italiano

Motovedetta italiana salva 170 migranti. Salvini attacca: "Non avvertiti"

Il barcone era nelle acque Sar maltesi ed è stato riaccompagnato dalle motovedette di La Valletta verso quelle italiane. Il ministero degli Interni: "Li riportino a Malta"