Giovedì 27 Ottobre 2016 - 22:00

Michelle Obama per la prima volta con Hillary: In gioco dignità donne

"Mai un candidato più qualificato di lei"

Michelle Obama per la prima volta con Hillary: In gioco dignità donne

"Dignità e rispetto per le donne e le ragazze, anche per questo si vota in queste elezioni". La candidata democratica alle presidenziali americane, Hillary Clinton, per la prima volta partecipa a un comizio, in North Carolina, con al suo fianco la first lady, Michelle Obama. "Hillary Clinton ha fatto il suo lavoro, ora noi dobbiamo fare il nostro: eleggerla presidente. Se non vincerà, sarà colpa nostra perché non l'abbiamo votata", le parole di Michell, "non abbiamo mai avuto un candidato più qualificato e preparato alla presidenza di Hillary Clinton, mai prima nella nostra vita", "è assolutamente pronta a essere Commander in Chief dal primo giorno, e sì: succede che sia una donna". "Lo dico dovunque vado, e lo ripeto: ammiro e rispetto Hillary. È stata avvocatessa, docente di legge, first lady, senatrice, segretaria di Stato. Ha più esperienza e conoscenza della presidenza di qualsiasi altro candidato che abbiamo incontrato, più di Barack, più di Bill", ha aggiunto Michelle Obama, facendo riferimento a suo marito, il presidente Barack Obama, e al marito di Clinton, l'ex presidente Bill Clinton.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Francia, Cazeneuve nuovo primo ministro dopo dimissioni di Valls

Francia, Cazeneuve nuovo primo ministro dopo dimissioni di Valls

Ad annunciare la nomina il presidente Hollande

Minaccia attacco a metro Los Angeles: sicurezza rafforzata

Minaccia attacco a metro Los Angeles: sicurezza rafforzata

Polizia: "La credibilità deve però ancora essere valutata"

Francia, Valls annuncia: Mi candido alla presidenza

Francia, Valls annuncia: Mi candido alla presidenza

Il socialista lascia l'incarico di premier

Referendum, Merkel: Dispiaciuta per Renzi ma decisione va rispettata

Referendum, Merkel: Dispiaciuta per Renzi ma decisione va rispettata

"Ho sempre sostenuto le sue politiche di riforma"