Giovedì 14 Dicembre 2017 - 15:45

Mafia, spallata a fiancheggiatori Matteo Messina Denaro: 30 indagati

Blitz a Castelvetrano (Trapani). Coinvolte persone arrestate negli anni o che hanno avuto legami con il latitante

San Raffaele, si è suicidato Mario Cal

Blitz e perquisizioni. Centotrenta poliziotti a Castelvetrano (Trapani) hanno dato una spallata ai fiancheggiatori di Matteo Messina Denaro, il superlatitante della mafia ricercato dal 1993 dopo gli attentati di Roma, Firenze e Milano e condannato a vari ergastoli per stragi e omicidi.

Sono in tutto 30 gli indagati nell'operazione coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo. Si tratta di persone che, nel corso degli anni, sono stati arrestati per mafia, o che hanno avuto collegamenti e frequentazioni con appartenenti a 'Cosa nostra' e di persone che, storicamente, sono state in stretti rapporti con il latitante.

Ora la Dda di Palermo li ha sottoposti a una nuova indagine perché sospettati di agevolare la latitanza del capomafia della provincia di Trapani. Uomini del servizio centrale operativo, delle squadre mobili di Palermo e di Trapani e del reparto prevenzione crimine hanno perquisito edifici, masserie, abitazioni, attività commerciali e masserie nella disponibilità degli indagati.

Negli ultimi anni gli investigatori stanno facendo terra bruciata intorno a quello che è considerato il mandante della strage di via D'Amelio. Capo e rappresentante indiscusso della mafia trapanese, Matteo Messina Denaro risulta essere attualmente il boss più ricco e potente di tutta Cosa Nostra, arrivando ad esercitare il proprio potere ben oltre i confini della propria provincia, come Agrigento e addirittura Palermo.

Scritto da 
  • Denise Faticante
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Trattativa Stato-mafia, dopo 5 anni di processo arriva la sentenza

Stato-mafia, M5S: "Giornata storica". Berlusconi e Fi pronti a querelare pm

Una sentenza che fa discutere e che rende ancora più aspri i toni dello scontro politico

Papa Francesco in visita ad Alessano

Il Papa sulla tomba di don Tonino, profeta di speranza: "Liberatevi dal potere"

A 25 anni dalla morte del 'vescovo scomodo', l'omaggio di Bergoglio in Puglia

Trattativa Stato-mafia, dopo 5 anni di processo arriva la sentenza

Trattativa Stato-mafia, condannati Dell'Utri, Subranni e Mori. Assolto Mancino

La sentenza: 28 anni al boss Bagarella, 12 all'ex braccio destro di Berlusconi e agli ex Ros

Ascoli, auguri a Hitler su Facebook. Vicepreside si difende: "Post non era riferito a lui"

La denuncia degli Antirazzisti Piceni: "Deve essere coerente con la sua visione malata e criminale del mondo e lasciare il suo ruolo di educatore"