Lunedì 02 Ottobre 2017 - 20:30

Las Vegas, chi era Stephen Paddock: killer pronto per pensione in Nevada

Si è tolto la vita dopo aver compiuto la più grave strage in una sparatoria nella storia recente degli Stati Uniti

Las Vegas, spari sulla folla ad un concerto country

Per chi lo conosceva non c'erano dubbi. Stephen Paddock, 64 anni, aveva progettato di trascorrere una vecchiaia serena in una piccola comunità per pensionati ai margini del deserto, dove aveva comprato casa nel 2015. Una località a solo un'ora di macchina da Las Vegas, dove Paddock ieri notte ha compiuto la più grave strage in una sparatoria nella storia recente degli Stati Uniti: ha aperto il fuoco da una stanza al 32esimo piano del Mandalay Bay Resort and Casino, dove sono stati trovati 10 fucili, uccidendo almeno 58 persone e ferendone più di 500.

I documenti degli archivi di Stato che lo riguardano, raccontano di un'esistenza itinerante attraverso tutto l'ovest degli Stati Uniti. Un periodo trascorso sulla costa della California, qualche altro anno in Nevada. In Texas, dove ha vissuto per diversi anni, Paddock aveva ottenuto una licenza di caccia. A suo nome risultano anche una licenza di pilota e un aereo monomotore. Nei primi mesi del 2015, aveva comprato una modesta casa a due piani in un quartiere residenziale per pensionati a Mesquite, una cittadina nel deserto a cavallo del confine tra Arizona e Nevada, frequentata soprattutto da golfisti e giocatori d'azzardo. "Una bella casa, pulita, con niente fuori dall'ordinario", ha detto ai giornalisti un portavoce del locale dipartimento di polizia.

Secondo l'Isis - che ha rivendicato l'attacco a Los Angeles - l'uomo si era convertito all'Islam qualche mese fa, ma l'Fbi non considera la sparatoria un attacco terroristico: non ci sarebbe infatti alcuna connessione tra Paddock e le organizzazioni terroristiche internazionali.

Eric Paddock, il fratello del killer, si è detto "sconcertato" e ha rivelato di non avere idea di cosa lo abbia spinto a compiere la strage. Intervistato dall'Orlando Sentinel, l'uomo ha raccontato di aver aiutato il fratello a lasciare "l'umidità della Florida" due anni fa per spostarsi in Nevada, dove avrebbe potuto "giocare di più ai video poker". Paddock ha detto di aver sentito il fratello per l'ultima volta due settimane fa, con uno scambio di messaggi a proposito delle interruzioni di corrente dopo l'uragano Irma. Un ex vicino di casa, Sharon Judy, di Viera, Florida, ha assicurato che Stephen Paddock era un uomo "amichevole", che si presentava come "un giocatore professionista" e una volta gli aveva mostrato la foto di un jackpot alle slot machine da 20mila dollari.

Paddock non aveva alcun precedente penale se non per un'infrazione del codice della strada, suo padre però, Benjamin Hoskins Paddock, finì nella lista degli Fbi Most Wanted quando evase dala prigione federale del Texas, dove aveva scontato una pena di 20 anni. L'assaltatore di Los Angeles era registrato come single all'anagrafe, ma la polizia ha reso noto che viveva con una donna, Marilou Danley, che sui social network si definisce "professionista dei casino", oltre che madre e nonna. Al momento della sparatoria la donna stava viaggiando all'estero e la polizia ritiene che non abbia alcuna connessione con l'attacco.
 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Spagna, la policia nacional lascia le città catalane

Barcellona, 34enne italiano morto accoltellato durante una rissa

È deceduto in ospedale, dove era arrivato in stato critico

Isabell e Preble: morire insieme dopo 71 anni di matrimonio

Una storia americana: si sposarono nel 1946, hanno vissuto sempre vicini e se ne sono andati a poche ore di distanza l'uno dall'altra

The Argentine military submarine ARA San Juan and crew are seen leaving the port of Buenos Aires

Sottomarino scomparso: ci fu esplosione in zona ultimo segnale

Un "rumore" era stato registrato circa tre ore dopo l'ultima comunicazione avuta con il mezzo disperso dal 15 novembre

Ratko Mladic

Chi è Ratko Mladic: 'macellaio' di Srebrenica e assedio Sarajevo

L'ex generale è stato condannato per genocidio e crimini contro l'umanità