Venerdì 29 Aprile 2016 - 13:15

Incontro Pd-Ala, Speranza: Errore Grave. Verdini minimizza

Il leader di Ala scherza: "Né maggioranza, né opposizione. Siamo in Paradiso"

Incontro Pd-Ala, Speranza: Errore Grave. Verdini minimizza

Pd diviso in due, e non solo politicamente. Mentre si è svolto, infatti, negli uffici del capogruppo alla Camera Ettore Rosato l'incontro tra i capigruppo dem, Lorenzo Guerini e la degazione di Ala, composta dai capigruppo Ignazio Abrignani e Lucio Barani e dal leader Denis Verdini, al piano di sotto sono riuniti i rappresentanti dei territori di Sinistra riformista Pd, guidati da Roberto Speranza.

Al centro dell'incontro tra Pd e Ala ci sono i prossimi provvedimenti in discussione in Parlamento, ma Speranza non apprezza: "È un errore molto grave - spiega - Siamo tutti impegnati ventre a terra in una difficilissima campagna elettorale nelle più importanti città italiane. E proprio all'indomani di un importante ricompattamento del centrodestra a Roma i vertici del Pd si incontrano con la quintessenza del trasformismo di origine berlusconiana".

CABINA DI REGIA? "Abbiamo concertato un metodo, serve un dialogo perché altrimenti ci troviamo in difficoltà. Il nostro gruppo è nato per sostenere le riforme e ha votato a favore anche di altri provvedimenti: vorremmo conoscere prima i provvedimenti che vengono in Aula". Così il leader di Ala Denis Verdini al termine dell'incontro con il Pd. Ci sarà una cabina di regia? "Abbiamo previsto di incontrarci alla Camera e al Senato, che è un metodo ordinario", attraverso degli "incontri tra gruppi parlamentari".

IL TEMA DELLA PRESCRIZIONE. "Non abbiamo parlato di provvedimenti. Poi parleremo anche della prescrizione e delle altre cose. Hanno tutti ragione: quelli che dicono 'prescrizione lunga' e quelli che dicono 'processi brevi' non si può stare sotto processo tutta la vita, né far morire i processi. La responsabilità sono di molti, ma io sono un imputato e non posso parlare di giustizia", ha affermato Verdini al termine dell'incontro.

L'IRONIA DI VERDINI. "Non siamo in maggioranza, l'opposizione dice che non siamo all'opposizione", ha ironizzato Verdini. "Siamo in Paradiso", ha aggiunto scherzando.

ROSATO: CONSULTARE ALA NON E' UN PROBLEMA. "Abbiamo concordato che sui provvedimenti importanti ci sia la consultazione anche del gruppo di Ala, che per noi non è un problema. Del resto è compito maggiornaza cercare sempre piu voti". Così il capogruppo Pd Ettore Rosato al termine della riunione tra i dem e il gruppo Ala. "Faremo - ha aggiunto - come facciamo quotidianamente con gli altri gruppi, cercando di costruire consenso su cose che si fanno. Non cambia nulla".

L'incontro con Verdini ha provocato il malumore della minoranza? "Il malumore della minoranza non è un fatto nuovo", ha proseguito Rosato. "Hanno ribadito chiaramente di non essere in maggioranza. Del resto - ha aggiunto - noi con Verdini sì che ci abbiamo fatto un Governo: a inizia legislatura con il Governo Letta. Loro non sono in maggioranza ma sono un gruppo importante, che conta 20 senatori, e che ha votato tanti provvedimenti importanti".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Luigi Di Maio presenta la squadra di Governo

Governo, M5S si divide su Conte premier. Di Maio: "Resta il nostro candidato". Carelli: "Potrebbe saltare"

Si attende la decisione di Mattarella. Il prof indicato da Lega e M5S per l'incarico a presidente dei Consiglio finito nella bufera per le presunte irregolarità nel suo curriculum

Trasmissione televisiva 'in 1/2 ora'

Governo, chi è Paolo Savona: l'economista anti euro

È stato direttore della Banca d'Italia e di Confindustria. È lui il nome indicato da Salvini e Di Maio per il Mef

COMBO-FILES-ITALY-POLITICS-GOVERNMENT-PARTIES

Governo, Conte e Savona su graticola: ipotesi Di Maio premier, no di Salvini

Si indebolisce la candidatura del professore indicato come premier da M5S e Lega e riprende quota. Anche Paolo Savona in bilico al Mef

Luigi Di Maio presenta la squadra di Governo

Governo, il Colle vaglia il profilo di Conte: tempi più lunghi

A Mattarella serve altro tempo sul candidato premier indicato da M5S e Lega dopo il caso del curriculum 'ritoccato'