Martedì 16 Febbraio 2016 - 21:00

Francia, Sarkozy indagato per finanziamento illegale campagna 2012

Nuova pagina nel 'caso Bygmalion' scandalo che deve il nome all'impresa che avrebbe emesso fatture false per circa 18,5 milioni di euro a carico dell'Ump

Nicolas Sarkozy

L'ex presidente francese Nicolas Sarkozy, attuale leader dell'opposizione, è indagato da oggi per finanziamento illegale della sua campagna elettorale del 2012 per la rielezione alla presidenza. La notizia giunge dopo circa 12 ore di interrogatorio. Sarkozy è comparso infatti oggi davanti ai magistrati per il cosiddetto 'caso Bygmalion', lo scandalo che deve il suo nome a un'impresa che avrebbe emesso fatture false per circa 18,5 milioni di euro per fare figurare a carico dell'Unione per un movimento popolare (Ump, vecchio nome del partito di Sarkozy ora ribattezzato Les Republicains) costi che erano invece in realtà per la campagna elettorale. Nelle presidenziali del 2012 Sarkozy fu battuto dall'attuale presidente francese François Hollande. Questo caso giudiziario potrebbe frenare le eventuali aspirazioni di Sarkozy di correre per l'Eliseo nelle presidenziali del 2017.

Scritto da 
  • undefined
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

PinkNews awards dinner

Brexit, May spinge su diritti cittadini Ue. E promette: "Resterete in Gb"

In post su Fb la premier britannica rassicura i comunitari regolarmente residenti nel Regno Unito

Barcellona, manifestazione contro l'indipendenza catalana

Sabato il governo di Madrid si riunirà per sospendere l'autonomia della Catalogna

Scaduto l'ultimatum. Puigdemont non risponde con chiarezza e rilancia: "Indipendenza se verrà attivato l'articolo 155"

Catalogna, cos'è e cosa prevede l'articolo 155 della Costituzione

Tutto quello che c'è da sapere sull''arma' del governo di Madrid

Brexit, May scrive una lettera ai cittadini Ue: "Potrete restare nel Regno Unito"

Brexit, May scrive una lettera ai cittadini Ue: "Potrete restare nel Regno Unito"

Accordo in vista per garantire i diritti di circa 3 milioni di stranieri che vivono nel Paese: "Vogliamo che rimangano"