Martedì 16 Febbraio 2016 - 21:00

Francia, Sarkozy indagato per finanziamento illegale campagna 2012

Nuova pagina nel 'caso Bygmalion' scandalo che deve il nome all'impresa che avrebbe emesso fatture false per circa 18,5 milioni di euro a carico dell'Ump

Nicolas Sarkozy

L'ex presidente francese Nicolas Sarkozy, attuale leader dell'opposizione, è indagato da oggi per finanziamento illegale della sua campagna elettorale del 2012 per la rielezione alla presidenza. La notizia giunge dopo circa 12 ore di interrogatorio. Sarkozy è comparso infatti oggi davanti ai magistrati per il cosiddetto 'caso Bygmalion', lo scandalo che deve il suo nome a un'impresa che avrebbe emesso fatture false per circa 18,5 milioni di euro per fare figurare a carico dell'Unione per un movimento popolare (Ump, vecchio nome del partito di Sarkozy ora ribattezzato Les Republicains) costi che erano invece in realtà per la campagna elettorale. Nelle presidenziali del 2012 Sarkozy fu battuto dall'attuale presidente francese François Hollande. Questo caso giudiziario potrebbe frenare le eventuali aspirazioni di Sarkozy di correre per l'Eliseo nelle presidenziali del 2017.

Scritto da 
  • undefined
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Clinton: Tenere in vita eredità di Shimon Peres, era una 'pietra miliare'

Clinton: Tenere in vita eredità di Shimon Peres, era una 'pietra miliare'

Era seguito da molti giovani, che erano ispirati dalle sue azioni"

Malesia, evacuato edificio della Borsa per allarme bomba

Malesia, evacuato edificio della Borsa per allarme bomba

Si spera si possa ripartire per la sessione pomeridiana.

Germania, rogo in un ospedale a Bochum: 2 morti e 15 feriti

Germania, rogo in un ospedale a Bochum: 2 morti e 15 feriti

Diversi piani del Policlinico universitario sono stati evacuati

Usa Today prende posizione: Trump è inadatto alla presidenza

Usa Today prende posizione: Trump è inadatto alla presidenza

Dopo 34 anni l'editorial board scende in campo, anche se nega endorsement per Clinton: No a un demagogo