Giovedì 02 Giugno 2016 - 09:00

Benigni: Voterò sì al referendum, ma capisco le ragioni del no

"Non voglio rimanere neutrale, questa riforma ottiene gli obiettivi di cui parliamo da decenni"

Benigni: Voterò sì al referendum, ma capisco le ragioni del no

"Ho dato una risposta frettolosa, dicendo che se c'è da difendere la Costituzione, col cuore mi viene da scegliere il no. Ma con la mente scelgo il sì. E anche se capisco profondamente e rispetto le ragioni di coloro che scelgono il no, voterò sì". Lo dice Roberto Benigni parlando del referendum sulle riforme costituzionali in una lunga intervista a Repubblica, nella quale affronta tutti i più importanti temi di attualità politica oltre, naturalmente, a ricordare la festa del 2 giugno. "Sono trent'anni - spiega l'attore - che sento parlare della necessità di superare il bicameralismo perfetto: niente. Di creare un Senato delle Regioni: niente. Di avere un solo voto di fiducia al governo: niente". "Questa riforma - afferma Benigni - ottiene gli obiettivi di cui parliamo da decenni. Sono meglio del nulla. E io tra i due scenari del giorno dopo, preferisco quello in cui ha vinto il sì, con l'altro scenario si avrebbe la prova definitiva che il Paese non è riformabile". "Non voglio rimanere neutrale - aggiunge -, lavarmene le mani dicendo che faccio l'artista, voglio essere libero. E la libertà non serve a nulla se non ti assumi la responsabilità di scegliere ciò che credi più giusto".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Elezioni Regionali Valle d'Aosta, giornata di spoglio

Valle d'Aosta, Unione valdotaine in testa al 18,88%, vola la Lega a 16,98%

Spoglio centralizzato. L'affluenza è stata del 65,12%, con 67 mila 146 votanti su 103 mila 117 aventi diritto

Quirinale. Consultazioni

Governo, c'è l'accordo: M5S e Lega al Colle. Europa, scontro con il capogruppo Ppe

Al Quirinale alle 17.30 Di Maio e alle 18 Salvini. Conte verso palazzo Chigi. Scontro con il capogruppo Ppe

Luigi Di Maio presenta la squadra di Governo

Chi è Giuseppe Conte, professore di diritto a Firenze

Era stato indicato per ricoprire l'incarico di ministro della 'Pubblica amministrazione, deburocratizzazione e meritocrazia'

Chiuso accordo Lega-M5S, lunedì al Colle. Conte verso Palazzo Chigi

Scontro con la Francia sull'Ue. Il leader della Lega replica al ministro Le Maire: "Inaccettabile invasione di campo"