Per l'Olimpia quattro giocatori in doppia cifra: 15 punti e 5 rimbalzi per Gigi Datome

L’AX Armani Exchange Milano conquista la settima Coppa Italia della propria storia. Al Forum di Assago, nell’ultima gara della quattro giorni di Final Eight di basket, la Carpegna Prosciutto Pesaro cede in una finale senza storia 87-59. Decisivi per l’Olimpia, con 4 giocatori in doppia cifra, i 15 punti con 5 rimbalzi di Gigi Datome. Non bastano ai marchigiani i 15 messi a segno da Tyler Cain.

Partita in equilibrio solo nel primo quarto chiuso comunque sul 21-15 per le ‘scarpette rosse’. Il secondo periodo, però, è già decisivo. Troppa Olimpia per una Pesaro volenterosa, ma anche stravolta dopo la maratona contro Sassari e la semifinale tirata con Brindisi. 

Soddisfatto il tecnico di Milano, Ettore Messina. “Ho gioito molto per la Supercoppa e sono molto più contento per questa vittoria in Coppa Italia. Dopo cinque anni da assistente, venire a Milano in un club come questo con le aspettative che ci sono mi fa contento. Credo di aver fatto abbastanza ovunque tranne a Madrid. Vincere a Milano non è secondario rispetto alle vittorie a Mosca, Treviso o a Bologna. Questi ragazzi si meritano molto e gli vogliamo molto bene non solo perché mettono la palla dentro il canestro, ma per l’impegno che mettono tutti i giorni”, ha detto il coach. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata