Roma, 16 feb. (LaPresse) – “Penso che abbiamo subito un po’ troppe critiche dopo la sconfitta di Napoli e secondo me non erano corrette, perché siamo andati lì per giocare, abbiamo avuto delle occasioni. Hanno meritato di vincere, è vero, però, la squadra fino adesso ha sempre dimostrato di dare tutto durante ogni partita. Oggi c’era una rabbia, una volontà vincere ed era la cosa più importante”. Il centrocampista della Roma Miralem Pjanic si è espresso così nel post partita dopo il successo con la Sampdoria. “Sono stato un po’ male nell’ultimo periodo, avevo un problema al ginocchio, si vedeva che stavo meno bene – ha aggiunto ai microfoni di Sky Sport parlando delle sue condizioni fisiche – Le sensazioni adesso cominciano a tornare, oggi mi sono sentito bene, ma l’importante è che abbiamo vinto”.

Contro i blucerchiati è arrivata la risposta sperata. “Sapevamo che possiamo giocare contro squadre come Napoli, Juve che sono forti, veramente forti. Oggi c’è stata una bella risposta, abbiamo ancora una partita in meno, siamo secondi, non molliamo niente fino alla fine e oggi il gruppo è molto contento – ha evidenziato il giocatore bosniaco – Non penso che le critiche fossero giustificate, perché contro il Napoli, se all’inizio facevamo gol, la partita girava in maniera completamente diversa. Siamo rimasti delusi per la sconfitta, è normale, però, siamo andati lì, abbiamo dato tutto, abbiamo perso, ma oggi abbiamo dato una buona risposta e ci concentriamo fino alla fine sul campionato”. In chiusura, una battuta sul proprio futuro. “Vediamo. Io continuo il campionato, ho sempre detto che sto bene qua – ha spiegato Pjanic – ma questo è il momento per me di concentrarmi sulla fine del campionato e con la società ne riparleremo per trovare la soluzione giusta”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata