Dipendenze da internet. Come affrontare le sindromi da iperconnessione
Dipendenze da internet. Come affrontare le sindromi da iperconnessione

Tutta una serie di nuovi disturbi collegati all'uso ossessivo di cellulari e della rete. Un convegno di Cerba HealthCare Italia lunedì a Milano 

Lo sviluppo della tecnologia porta con sé anche nuove malattie digitali, ancora poco conosciute, ma che coinvolgono sempre di più sia gli adulti, sia i bambini e gli adolescenti (si stima siano 300mila in Italia i ragazzi fra i 12 e i 15 anni con un problema di dipendenza da internet). Technostress, sindrome da iperconnessione, no mobile fobia (paura di rimanere senza connessione mobile), Fomo ('fear of missing out', di essere tagliati fuori dalle reti social), narcisismo digitale e phubbing (tendenza a ignorare gli altri perché immersi nel proprio cellulare) sono solo alcuni dei nuovi disturbi che rendono necessario un vero e proprio Digital Life Coaching, per imparare a gestire al meglio il rapporto con la tecnologia.

A raccogliere questa sfida è Cerba HealthCare Italia, la prima realtà ad offrire nei propri centri medici di prossimità un servizio dedicato alle malattie digitali. Medici e psicologi che si dedicano a monitorare, prevenire e affrontare questi problemi negli adulti e nei bambini, con focus particolare sui giovani della Generazione Z e sulle loro famiglie, secondo un approccio orientato a costruire uno stile di vita sano nella sua totalità.

All'incontro di lunedì 24 giugno (V.le Bianca Maria 35, Milano, ore 15) interverranno: Stefano Massaro, ceo Cerba HealthCare Italia; Maria Rosaria Montemurro, psicologa; Paola Frangi, responsabile Diagnostica specialistica Cerba HealthCare Italia; Marco Daturi, responsabile marketing Cerba HealthCare Italia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata