La battaglia di Silverstone è solo iniziata, quella 'vera' e che mette sul piatto punti ben più numerosi pesanti si giocherà nel Gp tradizionale

Verstappen è sempre più infallibile e si mette ora anche a fare la storia. A Silverstone strappa a re Hamilton, sotto gli occhi dei fan britannici, la pole ‘virtuale’, conquista la prima ‘gara sprint’ della F1, si mette in tasca tre punti preziosi in classifica e ribadisce che quest’anno è lui il vero pilota da battere. L’olandese della Red Bull continua a mettere le ali alla sua stagione d’oro e nella mini gara di appena 17 giri, allestita dal ‘circus’ per dare vibrazioni nuove al weekend e tracciare la griglia di partenza del Gp di Gran Bretagna della domenica, ha mostrato ancora una volta i suoi artigli. Con una partenza superaggressiva e un sorpasso dopo poche curve ha mortificato la prova di forza espressa in qualifica da Hamilton autore del miglior crono al venerdì, e si è messo subito davanti alla Mercedes del campione del mondo, incapace nei giri successivi di trovare lo spazio giusto per una replica. Terzo Valtteri Bottas, anche lui in grado di non porre rimedio, soprattutto in partenza, alla forza dell’olandese.

La battaglia di Silverstone è solo iniziata, quella ‘vera’ e che mette sul piatto punti ben più numerosi pesanti si giocherà nel Gp tradizionale. Ma la gara durata poco meno di mezz’ora, a tratti anche spettacolare, ha comunque fatto capire che per le frecce nere non sarà affatto semplice sbarazzarsi di un avversario e di una vettura che mostra affidabilità, velocità e passo gara su quasi ogni circuito. Dietro spunta la Ferrari di Charles Leclerc che ottiene un quarto posto di buon auspicio per la gara di oggi. La seconda fila è il massimo che al momento si possa realizzare perchè davanti sembrano correre dei marziani. “Qui è difficile però siamo partiti bene, poi abbiamo cercato di fare il nostro passo. Abbiamo dovuto gestire le gomme, sono contento di aver preso tre punti, fare la pole in questo modo è comunque strano, la gara di oggi sarà emozionante”, assicura l’olandese volante. Ringrazio i fan, è stato bello vederli esultare”, ha aggiunto. C’è la soddisfazione di aver vinto davanti a casa di Hamilton ma la gara in realtà è ancora lunga.

Il re medita una rivincita anche se non sa ancora con quali strategie: “Ho dato tutto e voglio ricambiare l’affetto dei fan. Mi dispiace non aver regalato la vittoria ma torneremo a lottare. Avevo centrato l’obiettivo della partenza ma qualcosa non è andato. Ho lasciato un punto a Verstappen e questo non mi consola. Loro sono veramente forti, noi dobbiamo cercare di inventarci qualcosa”, ha ammesso. Si affiderà al suo talento, al sostegno del pubblico e alle strategie. In terza fila le Mclaren di Norris e Ricciardo mentre per l’altra Rossa di Carlos Sainz scatterà dalla undicesima casella. Un partenza sfortunata ha costretto lo spagnolo ad una rimonta che riesce a concludere solo a metà,. In casa Ferrari c’è però cauto ottimismo. “Il passo gara c’è, siamo abbastanza vicini ai leader. Ora bisogna concretizzare. Sognare il podio? Tutto è possibile ma superare le tre macchine che ci sono davanti è un po’ ottimista”, ha dichiarato Leclerc che proprio a Silverstone ottenne l’ultimo suo podio con la Rossa.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata