Parigi, un incendio devasta Notre Dame: crollata la guglia e tre quarti del tetto della cattedrale. Macron: "Brucia una parte di noi"
Parigi, un incendio devasta Notre Dame: crollata la guglia e tre quarti del tetto della cattedrale. Macron: "Brucia una parte di noi"

L'incendio al monumento storico più visitato d'Europa potrebbe essere legato ai lavori di ristrutturazione

I danni sono immensi: due terzi del tetto sono stati distrutti e la guglia è completamente crollata, ma la struttura portante di Notre-Dame è salva: lo assicura il capo dei vigili del fuoco di Parigi, il comandante Jean-Claude Gallet. "Possiamo ritenere che la struttura principale di Notre-Dame è salva e preservata nella sua globalità", ha dichiarato, tranquillizzando il mondo intero che temeva per la salvezza della cattedrale, simbolo di Parigi, devastata per ore da un colossale incendio. I pompieri "sono stati in grado di arginare il rogo nel versante nord, adesso possiamo dire che i due campanili sono stati salvati e stiamo raffreddando la struttura facendo molta attenzione all'interno".

Niente da fare invece per la guglia, alta 93 metri, che è crollata su se stessa: era stata eretta sui quattro pilastri del transetto. Notre-Dame è uno dei simboli della capitale francese e il monumento storico più visitato d'Europa con un numero di turisti che oscilla tra i 13 e i 14 milioni ogni anno.

L'incendio - Iniziato intorno alle 18.50, nel primo giorno delle celebrazioni della Settimana santa che porta a Pasqua. La chiesa era chiusa a quell'ora e nessuno si trovava all'interno. La procura di Parigi ha annunciato l'apertura di un'indagine per "distruzione involontaria tramite incendio": i pompieri hanno precisato che le fiamme sono scoppiate nel sottotetto della cattedrale e che l'incendio potrebbe essere "legato" ai lavori di ristrutturazione dell'edificio, in corso da diversi mesi, in particolare per ripulire la struttura, annerita dall'inquinamento. Ai parigini e i turisti è stato chiesto di evitare la zona limitrofa alla cattedrale, ma tante persone sono rimaste fuori e guardano le fiamme e il fumo con occhi increduli e le lacrime agli occhi: in tanti non potevano fare a meno di piangere.

 

400 pompieri all'opera, uno è gravemente ferito - "Ci sono 400 pompieri all'opera, ci sarà un cambio turno per dare discontinuità al grande lavoro logistico. Il problema è costituito dalle impalcature, che possono propagare il fuoco", ha dichiarato il comandante generale dei vigili del fuoco di Parigi, Jean-Claude Gallet, in un primo report. Uno degli agenti è rimasto gravemente ferito mentre cercava di spegnere le fiamme.

Salve le reliquie - La corona di spine e la tunica di San Luigi, due oggetti estremamente importanti per i cattolici, sono stati "salvati" dall'incendio dal momento che c'era il rischio del crollo parziale della struttura. La corona di spine, secondo quanto credono i cattolici, quella che i soldati romani avrebbero posto sulla testa di Gesù per prenderlo in giro prima della crocifissione. 

La paura del crollo completo - Per alcuni momenti si è temuto il peggio: c'era il forte rischio che la cattedrale potesse crollare completamente. Il vice della sindaca di Parigi, Emmanuel Gregoire, parlava di "danni colossali" e spiega ai microfoni di Bfmtv che "ormai è stata avviata una missione specifica per provare a salvare tutte le opere d'arte che sarà possibile salvare". "Sta bruciando tutto, tutta la struttura, che risale al XIX secolo da una parte e al XIII dall'altra, non ne resterà più niente", così André Finot, portavoce della cattedrale di Parigi, parlando con AFP e riferendosi alla struttura di legno che sostiene il tetto della cattedrale di Notre-Dame a Parigi. Una paura confermata anche dai vigili del fuoco che hanno fatto sapere di non "essere sicuri di poter fermare la propagazione delle fiamme", mentre il vice ministro dell'Interno francese, Laurent Nunez, ha affermato che salvare la cattedrale di Notre-Dame "non è sicuro". 

La Francia - Il presidente francese Emmanuel Macron ha deciso di rinviare il discorso che avrebbe dovuto tenere alle 20, per annunciare le misure a seguito della contestazione dei gilet gialli e del Grande dibattito nazionale, e ora si recherà alla cattedrale di Notre-Dame a Parigi insieme al premier Edouard Philippe. "Emozione di tutta una nazione. Pensiero per tutti i cattolici e tutti i francesi. Come tutti i nostri compatrioti, sono triste stasera di veder bruciare questa parte di noi", ha scritto su Twitter.

"Un incendio terribile è in corso alla cattedrale di Notre-Dame a Parigi. I pompieri di Parigi stanno provando a domare le fiamme. Siamo mobilitati sul posto in stretto legame con la diocesi di Parigi. Invito tutti a rispettare il perimetro di sicurezza", ha commentato su Twitter la sindaca di Parigi, Anne Hidalgo.

"Un grande luogo della fede cattolica sta bruciando" con l'incendio alla cattedrale di Notre-Dame a Parigi. Lo afferma ad AFP il portavoce della Conferenza dei vescovi di Francia (Cef), Vincent Neymon, che definisce la chiesa un "simbolo vivo della fede cattolica".

Le reazioni dal mondo - "La Santa Sede ha accolto con shock e tristezza la notizia del terribile incendio che ha devastato la Cattedrale di Notre Dame, simbolo della cristianità in Francia e nel mondo. Esprimiamo vicinanza ai cattolici francesi e alla popolazione di Parigi e assicuriamo le nostre preghiere per i pompieri e quanti stanno facendo il possibile per far fronte a questa drammatica situazione", così il direttore 'ad interim' della Sala Stampa della Santa Sede, Alessandro Gisotti. Anche l'Unesco commenta l'incendio, dicendo di essere "a fianco della Francia per salvaguardare e restaurare questo patrimonio inestimabile" che è la cattedrale di Notre-Dame, patrimonio mondiale dell'umanità dal 1991. Lo twitta la direttrice generale della agenzia Onu per la cultura, Audrey Azoulay. Il presidente statunitense Donald Trump ha scritto su Twitter: "È davvero orribile da vedere il massiccio incendio nella cattedrale di Notre Dame a Parigi. Forse gli aerei anti incendio potrebbero essere usati per spegnerlo. Si deve agire rapidamente". "Fa male vedere queste orribili immagini di Notre-Dame in fiamme. Notre Dame è un simbolo della Francia e della nostra cultura europea". Così su Twitter il portavoce della cancelliera tedesca Angela Merkel, Steffen Seibert. "Con i nostri pensieri siamo con gli amici francesi", aggiunge.

Le reazioni italiane - "Un colpo al cuore per i francesi e per tutti noi europei", ha scritto in francese su Twitter il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Il ministro dell'Interno Matteo Salvini ha espresso il suo dolore su Twitter: "Terrificante incendio alla cattedrale di #NotreDame, CROLLATA la guglia. Un pensiero e un abbraccio al popolo di Parigi. Dall'Italia tutta la nostra vicinanza e tutto l'aiuto che potremo dare". Parole confermate anche dall'altro vicepremier, Luigi Di Maio: "Sono vicino al popolo francese per questo terribile incendio che ha colpito la cattedrale di Notre-Dame, patrimonio dell'umanità tutta. Per Parigi e la Francia il supporto e il sostegno di tutto il governo italiano".

Sempre su Twitter il messaggio di Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia: "Le immagini che arrivano da Parigi fanno male al cuore, #NotreDame è uno dei simboli più belli e importanti della cristianità in Europa. Spero che le fiamme vengano domate il prima possibile e che la cattedrale torni presto a splendere".  "Notre-Dame - ha scritto su Facebook Nicola Zingaretti, segretario del Pd - è simbolo della Francia e dell'Europa intera che oggi assiste con sgomento e con il cuore spezzato a queste immagini che stanno arrivando da Parigi". "Le immagini di Notre Dame sono sconvolgenti. Brucia un simbolo della Francia e della nostra civiltà". Così su Twitter l'ex segretario e deputato del Partito Democratico Maurizio Martina. "Terrificanti le immagini di Notre-Dame in fiamme. Immagini che non avremmo mai voluto vedere per un luogo simbolo della Francia, della cultura europea, un patrimonio dell'umanità. Tutta la mia vicinanza e quella di Montecitorio al popolo francese", ha dichiarato il presidente della Camera, Roberto Fico.

"L'incendio che sta distruggendo la cattedrale di Notre Dame a Parigi - si legge in una nota del Movimento 5 stelle - è una catastrofe culturale e europea. Vedere crollare, pezzo dopo pezzo, un monumento storico dal valore inestimabile è un dolore al cuore che colpisce ogni cittadino europeo nell'anima. Migliaia di anni di storia distrutti in pochi minuti dalle fiamme davanti agli occhi increduli dei cittadini francesi e di centinaia di migliaia di cittadini europei e di tutto il mondo, che seguono con angoscia l'incendio. Come ha ribadito Luigi Di Maio, da parte del Governo italiano ci sarà totale supporto e il sostegno".
 

La cattedrale - Ubicata nella parte orientale dell'Île de la Cité, nel cuore della capitale francese, nella piazza omonima, rappresenta una delle costruzioni gotiche più celebri del mondo. Simbolo di Parigi e della Francia, Notre-Dame venne costruita tra ​​​​​​il 1163 e il 1344 e non è mai stata piegata da un incendio. Persino durante le due guerre mondiali, il monumento venne risparmiato.

 

 

 

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata