La maggior parte dei professori ha lasciato il Paese, abbassando la qualità dell'istruzione. Anche se una giovane donna ottiene un diploma universitario, "qual è il vantaggio?", afferma Qaderi, impiegato statale in pensione di 58 anni, "i talebani non le permetteranno di lavorare"

E’ passato un anno dall’ultima volta che la maggior parte delle ragazze in Afghanistan ha messo piede in un’aula scolastica. Non essendoci alcun segnale che i talebani permettano loro di tornare a scuola, la popolazione sta cercando di trovare un modo per evitare che una generazione di giovani donne non possa accedere all’istruzione. In una casa di Kabul, decine di persone si riuniscono per seguire le lezioni di una scuola informale creata da Sodaba Nazhand. Lei e sua sorella insegnano inglese, scienze e matematica a ragazze che dovrebbero frequentare la scuola secondaria. “Quando i talebani hanno voluto togliere alle donne il diritto all’istruzione e al lavoro, ho voluto oppormi alla loro decisione insegnando a queste ragazze”, ha detto Nazhand all’Associated Press.La Hers è una delle numerose scuole clandestine in funzione da quando, un anno fa, i talebani hanno preso il controllo del Paese e hanno vietato alle ragazze di proseguire gli studi oltre la prima media. Sebbene gli studenti coranici abbiano permesso alle donne di continuare a frequentare le università, questa eccezione diventerà irrilevante quando non ci saranno più ragazze che si diplomeranno alle scuole superiori. “Non c’è modo di colmare questa lacuna e la situazione è molto triste e preoccupante”, ha detto Nazhand.L’agenzia umanitaria Save the Children ha intervistato quasi 1.700 ragazzi e ragazze tra i 9 e i 17 anni in sette province per valutare l’impatto delle restrizioni all’istruzione. L’indagine, condotta a maggio e giugno, ha rilevato che oltre il 45% delle ragazze non va a scuola, rispetto al 20% dei ragazzi. È emerso inoltre che il 26% delle ragazze mostra segni di depressione, rispetto al 16% dei ragazzi.Quasi l’intera popolazione dell’Afghanistan è caduta in povertà e milioni di persone non sono state in grado di sfamare le proprie famiglie quando il mondo ha tagliato i finanziamenti in risposta alla presa di potere dei talebani. Insegnanti, genitori ed esperti avvertono che le molteplici crisi del Paese, compreso il devastante crollo dell’economia, si stanno rivelando particolarmente dannose per le ragazze. Gli studenti coranici hanno limitato il lavoro delle donne, le hanno incoraggiate a rimanere a casa e hanno emanato codici di abbigliamento che impongono loro di coprirsi il volto, tranne gli occhi.La comunità internazionale chiede ai talebani di aprire le scuole per tutte le ragazze. Gli Stati Uniti e l’Unione Europea hanno creato dei piani per pagare direttamente gli stipendi agli insegnanti afghani, mantenendo il settore in funzione senza far passare i fondi attraverso i talebani. La questione dell’istruzione femminile sembra aver creato divisioni tra i talebani. Alcuni membri del movimento sono favorevoli al ritorno delle ragazze a scuola, sia perché non vedono alcuna obiezione religiosa, sia perché vogliono migliorare i legami con il mondo. Altri, soprattutto gli anziani delle zone rurali e tribali che costituiscono la spina dorsale del movimento, si oppongono fermamente.Durante il loro primo periodo di governo in Afghanistan, negli anni ’90, i talebani hanno imposto restrizioni molto più severe per le donne, vietando la scuola a tutte le ragazze, impedendo loro di lavorare e imponendo loro di indossare un burqa in pubblico. Nei 20 anni successivi alla cacciata dei talebani nel 2001, un’intera generazione di donne è tornata a frequentare la scuola e a lavorare, soprattutto nelle aree urbane. I talebani hanno rassicurato gli afghani che non sarebbero tornati alla mano pesante del passato. Le speranze sono state alimentate a marzo: poco prima dell’inizio del nuovo anno scolastico, il ministero dell’Educazione talebano aveva proclamato che tutti sarebbero stati riammessi. Ma il 23 marzo, il giorno della riapertura, la decisione è stata improvvisamente ribaltata. Sembra che all’ultimo minuto il leader supremo dei talebani, il Mullah Haibatullah Akhundzada, si sia piegato all’opposizione.Shekiba Qaderi, 16 anni, ha ricordato come si sia presentata quel giorno, pronta per iniziare la decima classe. Lei e tutte le sue compagne di classe ridevano ed erano eccitate, fino a quando un insegnante è entrato e ha detto loro di tornare a casa. Le ragazze sono scoppiate in lacrime, ha raccontato, “è stato il momento peggiore della nostra vita”. Da allora, ha cercato di tenersi al passo con gli studi a casa, leggendo i libri di testo, i romanzi e i libri di storia e studiando l’inglese attraverso film e video su YouTube.

APTOPIX Afghanistan One Year Later Education

APTOPIX Afghanistan One Year Later Education

La disuguaglianza nell’accesso all’istruzione riguarda tutte le famiglie. Shekiba e una sorella minore non possono frequentare la scuola, ma i suoi due fratelli sì. La sorella maggiore studia legge in un’università privata. Ma questo è poco confortante, dice il padre, Mohammad Shah Qaderi. La maggior parte dei professori ha lasciato il Paese, abbassando la qualità dell’istruzione. Anche se una giovane donna ottiene un diploma universitario, “qual è il vantaggio?”, afferma Qaderi, impiegato statale in pensione di 58 anni, “i talebani non le permetteranno di lavorare”. Qaderi ha detto di aver sempre voluto che i suoi figli ricevessero un’istruzione superiore. Ora potrebbe essere impossibile, quindi sta pensando di lasciare l’Afghanistan per la prima volta dopo aver superato anni di guerra. “Non posso vederli crescere davanti ai miei occhi senza istruzione; non è accettabile per me”, ha detto.Le scuole clandestine rappresentano un’altra alternativa, anche se con dei limiti. Un mese dopo la presa di potere dei talebani, Nazhand ha iniziato a insegnare a leggere ai bambini di strada con lezioni informali all’aperto in un parco del suo quartiere. Le donne che non sapevano leggere o scrivere si sono unite a loro. Qualche tempo dopo, un benefattore che l’ha vista nel parco le ha affittato una casa dove tenere le lezioni e ha comprato tavoli e sedie. Una volta che ha iniziato a operare all’interno, Nazhand ha incluso le ragazze adolescenti che non potevano più frequentare la scuola pubblica. Ora ci sono circa 250 studenti, tra cui 50 o 60 studentesse al di sopra della prima media. “Non insegno loro solo le materie scolastiche, ma cerco anche di insegnare loro a combattere e a difendere i propri diritti”, ha detto Nazhand, “i talebani non sono cambiati rispetto agli anni ’90. Questi sono gli stessi talebani, ma noi non dobbiamo essere le stesse donne di quegli anni. Dobbiamo lottare: scrivendo, alzando la voce, in ogni modo possibile”.La scuola di Nazhand, e altre simili, sono tecnicamente illegali secondo le attuali restrizioni dei talebani, ma finora non è stata chiusa. Tuttavia, almeno un’altra persona che gestisce una scuola ha rifiutato di parlare con i giornalisti, temendo possibili ripercussioni. Nonostante il suo impegno costante, Nazhand è preoccupata per il futuro della sua scuola. Il suo benefattore ha pagato sei mesi di affitto per la casa, ma è morto di recente e lei non ha modo di continuare a pagare l’affitto o le forniture. Per gli studenti, le scuole clandestine sono un’ancora di salvezza. “È così difficile quando non si può andare a scuola”, ha detto una di loro, Dunya Arbabzada, “Ogni volta che passo davanti alla mia scuola e vedo la porta chiusa per me è sconvolgente”. 

APTOPIX Afghanistan One Year Later Education

APTOPIX Afghanistan One Year Later Education

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata