Avrebbero violato la nuova legge sulla sicurezza nazionale

La polizia di Hong Kong ha arrestato 53 attivisti per presunta violazione della nuova legge sulla sicurezza nazionale dopo aver partecipato alle primarie non ufficiali per la legislatura del territorio lo scorso anno.

Gli arresti di massa, sono stati la più grande mossa contro il movimento per la democrazia di Hong Kong da quando la legge è stata imposta da Pechino lo scorso giugno per reprimere il dissenso nel territorio semi-autonomo. “L’operazione odierna prende di mira gli elementi attivi che sono sospettati di essere coinvolti nel crimine di rovesciare o interferire (e) distruggere seriamente l’esecuzione legale dei doveri del governo di Hong Kong”. ha detto John Lee, ministro della sicurezza di Hong Kong, in un conferenza stampa.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata