Sequestrati vestiti falsi e prodotti elettronici non sicuri

Copie false di noti marchi, loghi imitati ed etichette con omesse avvertenze all’uso. La Guardia di finanza di Pescara ha sferrato un triplo colpo contro la filiera del falso di importazione estera. A finire nei guai stavolta un rivenditore e due grossisti di origini cinesi attivi sul territorio nazionale, con ampi depositi e magazzini destinati allo stoccaggio o all’esposizione per il commercio e la vendita di articoli di vario genere, definitivamente ritirati dal mercato. Sono stati sequestrati, infatti, centinaia tra capi d’abbigliamento, smartwatch, tablet, cuffie bluetooth, decoder e led natalizi falsi e non sicuri. I tre grossisti cinesi sono stati denunciati a piede libero. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata