Notte difficile in Centro Italia, alle ore 4,27 sisma di magnitudo 4.2 con epicentro Norcia, dove ieri è crollata la basilica di San Benedetto. Errani e Curcio invitano a trasferirsi negli alberghi

"Le persone non vedono la fine di questo terremoto. Noi abbiamo scelto il metodo del massimo coinvolgimento dei cittadini e vogliamo continuare a usarlo. Nessuno vuole calare dall'alto le decisioni. Massima condivisione e massimo coinvolgimento". Così il premier Matteo Renzi in conferenza a palazzo Chigi dopo il Consiglio dei ministri straordinario sul terremoto. "Abbiamo fatto un'ordinanza per l'estensione dei poteri straordinari di emergenza al capo della protezione civile Fabrizio Curcio" ha aggiunto Renzi. "Nelle prossime 72 ore faremo un decreto d'urgenza per il nuovo sisma". 

CONTAINERS PRIMA DI NATALE. "Dobbiamo portare dei containers prima di Natale, ma speriamo anche prima, in  modo da riportare i cittadini nelle loro terre. Per questo faremo un decreto apposta nelle prossime 72 ore che vedremo se annettere poi all'altro" ha sottolineato il presidente del Consiglio. "Da dicembre a cinque-sei mesi, immaginiamo di avere in estate le persone che vanno nelle casette di legno. Infine potranno tornare nelle loro case dopo la ricostruzione". "Facciamo nelle prossime 72 ore un decreto legge per i container, per aumentare il personale amministrativo dei Comuni colpiti e per fissare tempi più brevi possibili" ha precisato Renzi.

 

LA NOTTE. E' stata una notte difficile in Centro Italia dopo la scossa di magnitudo 6.5 che ieri mattina ha risvegliato gran parte del Paese alle 7.41. L'epicentro è stato tra le province di Macerata, Perugia e Ascoli Piceno, a 7 km da Castelsantangelo Sul Nera, 5 km da Norcia e 17 km da Arquata del Tronto. Più forte del 24 agosto, più del terremoto dell'Aquila: mai la terra ha tremato così dal 23 novembre 1980, data del terremoto dell'Irpinia. La terra non smette di tremare, la scossa più forte della notte è stata alle ore 4,27 con epicentro ancora a Norcia, in provincia di Perugia, e una profondità di 11 chilometri. Scossa simile anche questa mattina alle ore 8.05. La situazione è difficile. "Il danno è estremamente grave e diffuso". Così Titti Postiglione, della Protezione civile. "Se per il terremoto del 24 agosto abbiamo avuto 70mila istanze per sopralluoghi, adesso questo numero salirà".
 

15MILA ASSISTITI.  Sono oltre quindicimila le persone assistite dal Servizio nazionale della protezione civile in seguito al forte terremoto che ieri mattina ha colpito il territorio dell'Italia centrale già interessato dalle scosse del 24 agosto e del 26 ottobre. In particolare, oltre cinquecento sono accolte in strutture alberghiere nell'area del Trasimeno e oltre quattromila negli alberghi sulla costa adriatica. A queste si aggiungono circa tremila persone nella Regione Umbria e altre settemila nella regione Marche ospitate in strutture di prima accoglienza allestite a livello comunale. I dati, riferiti alla tarda serata di ieri, sono da considerarsi in continua evoluzione e aggiornamento. Rimangono, inoltre, tra gli assistiti a seguito del sisma del 24 agosto, oltre 1100 cittadini ospitati in alberghi e strutture ricettive – prevalentemente a San Benedetto del Tronto -, presso le abitazioni del progetto C.A.S.E. nel comune dell'Aquila o nei MAP localizzati in altri comuni d'Abruzzo nonché nelle residenze sanitarie assistenziali nelle quattro regioni colpite dal sisma.

 

 "Al momento la situazione continua a rimanere sotto controllo con vigili del fuoco e polizia che presidiano la città – attivati da segnalazioni – che vanno a verificare o controllare qualunque tipo di crepa o cedimento possa verificarsi". Così la sindaca di Roma Virginia Raggi a margine della conferenza in Campidoglio.
 

CENSIMENTO SFOLLATI. Fortunamente non si sono registrate vittime, solo "una decina di feriti lievi" come ha confermato in un punto stampa il capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio. La macchina dei soccorsi è pienamente operativa: 1.300 gli uomini in campo, ha spiegato il ministro dell'Interno Angelino Alfano. E' in corso il censimento degli sfollati. I numeri potrebbero essere altissimi: decine di migliaia.  "In stretto raccordo con i Sindaci e le sale operative delle Regioni Umbria e Marche si sta lavorando a un primo censimento, comune per comune, delle persone da assistere". E' quanto si legge in una nota della protezione civile. A Norcia, il sindaco Nicola Alemanno ha spiegato che nella cittadina umbra potrebbero esserci 3 mila sfollati.  Sono oltre un centinaio i comuni delle Marche che hanno segnalato crolli. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata