L'obbligo di indossare i dispositivi di protezione sarebbe stato confermato anche sui treni a lunga percorrenza

Il Consiglio dei ministri, secondo quanto si apprende, ha dato via libera alla proroga fino a settembre dell’obbligo delle mascherine sui mezzi pubblici e nelle Rsa. L’obbligo delle mascherine sarebbe stato prorogato anche sui treni a lunga percorrenza.

Sono in corso nel governo verifiche tecniche riguardo la proroga fino a settembre dell’obbligo delle mascherine sul trasporto aereo. A chiedere un supplemento di riflessione, secondo quanto apprende LaPresse, è stata in particolare la Lega con il ministro del Turismo Massimo Garavaglia che avrebbe chiesto per attendere le decisioni sul tema a livello europeo. Domani, ad esempio, la Spagna dovrebbe esprimersi sulla questione. 

“Lasciano sconcertati le indicazioni del professor Ricciardi che dall’alto della sua posizione, evidentemente non toccata da guerre e pandemie, continua a sostenere le ragioni dei Pasdaran della mascherina. Una scelta che porta con se ingenti danni ecomomici per una bella fetta di cittadini. Danni di diverso tipo ma non meno pesanti di quelli sanitari. Siamo l’unico paese al mondo che ancora impone le mascherine, in alcuni settori specifici oltre a tutto e non in altri, creando confusione tra i cittadini e, devo dire con franchezza, senza alcun risultato tangibile rispetto al resto del mondo”. Così Flavio Cattaneo, vicepresidente Italo e fondatore Itabus. “Penso infatti di poter dire con un buon livello di approssimazione che i contagi salgono e scendono nel mondo indipendentemente dalla mascherina – aggiunge – Mentre crescono in modo esponenziale i danni economici e le difficoltà che interi settori devono ancora affrontare per questo atteggiamento. Speriamo che il premier non si faccia influenzare da queste cassandre che sono foriere di sciagure ulteriori per il nostro paese”.

“Bene lo stop all’obbligo di mascherine per teatri, cinema ed eventi pubblici e soprattutto per gli esami scolastici: stiamo andando sempre di più nella direzione della convivenza con il virus, senza per questo far venir meno le regole di prudenza e soprattutto di buon senso nei casi di maggiore esposizione al rischio”. Così il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti in merito alle nuove disposizioni del governo.”Il ritorno del Paese alla normalità è assolutamente positivo – ha aggiunto – nella consapevolezza che il grande senso di responsabilità dimostrato dai cittadini non verrà meno, anche in assenza degli obblighi. Giusto, invece, mantenere le mascherine in ospedali e Rsa, per proteggere le persone più anziane e fragili”. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata