Sull'isola, che è tra le sei regioni greche classificate al livello arancione, è vietato organizzare qualsiasi tipo di evento con la presenza di oltre 20 persone in un luogo privato

Nuove misure a Mykonos per contrastare la diffusione del Covid-19, a causa di vari focolai, ha annunciato il vice ministro della Protezione civile Nikos Hardalias. Secondo Kathimerini, viene applicato il coprifuoco dall’1 alle 6 a partire da questa notte, con il divieto di musica sempre a partire dalle 18.

Le misure saranno in vigore fino al 26 luglio, con una valutazione intermedia della situazione epidemiologica. Hardalias ha ricordato che a Mykonos, così come in tutto il territorio, è vietato organizzare qualsiasi tipo di evento con la presenza di oltre 20 persone in un luogo privato, pena sanzioni amministrative. Mykonos è tra le sei regioni greche classificate al livello arancione di sorveglianza, a causa della diffusione del coronavirus. Il numero di infezioni in Grecia è cresciuto nelle scorse settimane, spingendo il governo a rendere obbligatori i vaccini per gli operatori di cura e imporre nuove restrizioni, tra cui l’accesso riservato ai vaccinati per ristoranti e locali.

Intanto, da domenica la Francia imporrà l’effettuazione di un test Covid-19 risalente alle 24 ore precedenti all’ingresso nel suo territorio per chi proviene da Regno Unito, Spagna, Portogallo, Cipro, Grecia e Paesi Bassi, ha annunciato il primo ministro francese Jean Castex, stando a quanto riporta Figaro. In parallelo, il Regno Unito da lunedì imporrà la quarantena di 10 giorni a chi arrivi dalla Francia, anche se completamente vaccinato. All’origine della decisione è la preoccupazione per l’aumento di casi legati alla variante Beta (identificata per la prima volta in Sudafrica). E Londra ha dato notizia di 54.674 nuovi contagi e 41 morti nelle ultime 24 ore, in un nuovo record da metà gennaio, dopo quello di 51.870 venerdì.

Tra i positivi anche il ministro della Salute, Sajid Javid, che ha dichiarato: “Sono grato di aver ricevuto due dosi del vaccino, quindi sinora i miei sintomi sono molto lievi”. L’alto tasso di contagi sta causando anche disagi ai trasporti: a causa dei contatti con persone positive al virus, scarseggia il personale per metropolitana e trasporti pubblici, tanto da comportare sospensioni, cancellazioni e ritardi. E’ accaduto anche alla metropolitana, con intere linee sospese. In Giappone, invece, sono 15 i casi di positività al virus nelle ultime 24 ore tra le persone legate alle Olimpiadi di Tokyo 2020, dove il pubblico sugli spalti sarà pressoché assente. E il Cio ha confermato il primo caso di positività nel villaggio olimpico. Nell’area metropolitana, le infezioni sono in aumento: 1.410 in 24 ore, il numero più alto da circa sei mesi. La capitale nipponica si prepara ad ospitare la cerimonia inaugurale dei Giochi la prossima settimana, mentre gli esperti prevedono che i contagi potranno arrivare fino a quasi 2.500 entro l’11 agosto. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata