Il primo cittadino lombardo: "Se vedi la punta dell'iceberg c'è una parte sommersa enorme"

“Abbiamo imparato purtroppo quest’anno a capire che quando vediamo la punta dell’iceberg c’è una parte sommersa molto importante, noi dobbiamo contenere quella parte sommersa”. Sono queste le parole di Francesco Vassallo, sindaco di Bollate, uno dei quattro comuni lombardi da merdoledì in zona rossa per via delle varianti. Le strade sono deserte e alle 18 scattano i controlli delle forze dell’ordine: “Non è una punizione, è una misura necessaria – dice Vassallo – Si mettono in campo azioni per la salute pubblica non per dare fastidio. Ovviamente ci sono attività che chiuderanno, purtroppo questo è l’aspetto negativo”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata