L'esecutivo pronto al via libera al provvedimento ponte. Iss: "Nelle scuole il 2% dei focolai"

Si potrebbe tenere stasera alle 21 il Consiglio dei ministri per dare il via libera a un nuovo decreto, che conterebbe lo stop della mobilità tra regioni anche in zona di rischio contagio da Covid-19 gialla e i ristori per le attività che dovrannorimanere chiuse. Nel pomeriggio invece il premier Giuseppe Conte incontrerà nuovamente i capidelegazione e il ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia, per mettere a punto le nuove misure che partiranno già dal 7 gennaio e fino al 15.

Veneto e Friuli Venezia Giulia ha deciso di mantenere la didattica a distanza al 100% per superiori fino al 31 gennaio. 

Intanto l’Istituto superiore di sanità fa sapere che “nel periodo 31 agosto – 27 dicembre 2020, il sistema di monitoraggio dell’Iss ha rilevato 3.173 focolai in ambito scolastico, che rappresentano il 2% del totale dei focolai segnalati a livello nazionale”. E’ quanto si legge nel report dal titolo ‘Apertura delle scuole e andamento dei casi confermati di SARS-CoV-2: la situazione in Italia’. “Se si considera l’andamento settimanale c’è stato un progressivo aumento dei focolai con un picco nelle settimane dal 5 al 25 ottobre, una graduale diminuzione fino al 22 novembre e un nuovo aumento fino al 13 dicembre seguito da una stabilizzazione nella seconda metà del mese”, viene spiegato ancora.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata