È l'ipotesi al vaglio del governo. Conte conferma riapertura scuole al 50% il 7 gennaio. Già in serata la riunione del Cts

Un provvedimento ponte che sia valido dal 7 al 15 gennaio (ovvero tra quando scade il decreto natale e quando cessa la validità del Dpcm attualmente in vigore) e che contenga misure valide a livello nazionale, indipendentemente dalle fasce di colore nazionale. È questa, secondo quanto si apprende al termine del vertice tra il Governo e il Cts, una delle ipotesi alla quale lavora il Governo.

La soglia Rt necessaria per far scattare la fascia arancione potrebbe essere “rivista” a 1, invece dell’attuale 1,25. E scatterebbe anche l’abbassamento di quella necessaria per far scattare la zona rossa: con Rt a 1,25 invece dell’attuale 1,50.

Resterebbe a quota due il numero di parenti o amici che è possibile ospitare entro un’abitazione, con esclusione degli under 14, fino al 15 gennaio.

Avanti con la direttiva di riprendere la didattica in presenza al 50% per le scuole superiori a partire dal 7 gennaio.

Prevista già in serata la riunione del Comitato tecnico-scientifico.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata